Emergono nuovi particolari del contratto faraonico firmato da Lionel Messi con il Barcellona nel 2017. Dopo la pubblicazione delle cifre (uno scoop del quotidiano spagnolo El Mundo) e la precisazione del club blaugrana di non avere responsabilità in merito alla diffusione dell'accordo, il Corriere della Sera ha analizzato un aspetto molto particolare del contratto relativo ai bonus.

Il bonus fedeltà e il rischio beffa per il Barça

Liga
Messi e Griezmann trascinano il Barcellona, Athletic battuto 2-1
31/01/2021 A 19:41
Nel contratto pubblicato da El Mundo, infatti, c'è una parte specifica riservata a quello che viene definito un premio fedeltà di 66 milioni di euro, corrisposto a Messi a condizione che sia a tutti gli effetti un giocatore del Barcellona alla data dell'1 febbraio 2020. L'argentino, che ha già incassato il 50% del bonus lo scorso 31 marzo, beneficerà del restante 50% il 15 luglio prossimo "indipendentemente dal fatto - e qui sta la particolarità dell'accordo - che Messi sia ancora un giocatore del Barcellona". Tradotto: qualora Messi in estate dovesse dire addio ai blaugrana e trasferirsi, ad esempio, al Paris Saint Germain, al Manchester City o in qualsiasi altro club, il Barça dovrebbe comunque corrispondergli i restanti 33 milioni del bonus fedeltà.

Koeman: "Messi è un vincente, abbiamo bisogno di lui"

Liga
Barcellona: "Contratto di Messi? Era un documento privato"
31/01/2021 A 11:25
Calciomercato 2020-2021
Messi e il contratto da 555 milioni che fa fallire il Barça
31/01/2021 A 07:58