L’infortunio di Kjaer a Marassi ha complicato il calciomercato del Milan. Sì, perché la formazione rossonera era partita con l’idea di puntellare il centrocampo, decimato dalle assenze di Kessie e Bennacer impegnati in Coppa d’Africa, ma a causa del KO del centrale ex Palermo - e del probabilissimo addio di Gabbia in direzione Sampdoria - ha dovuto virare sulla difesa. Maldini e Massara stanno lavorando giorno e notte: l’obiettivo è regalare a Stefano Pioli un giocatore duttile, capace di giocare sia in mezzo che nel ruolo di terzino.
| Tutte le news di calciomercato | Il tabellone delle ufficialità | Tutte le deadline |

Sven Botman (Lille)

Calciomercato
Quando chiude il mercato? Tutte le deadline
03/01/2022 A 18:36
È un classe 2000, ha vinto il campionato francese ed ha acquisito un'importante esperienza tra Eredivisie, Ligue 1 e coppe europee. Con il suo metro e 93 ha come dote principale la forza fisica, cui abbina delle buone qualità tecniche e la capacità di impostare il gioco da dietro e di arrivare anche alla conclusione con pericolosità. Tutte caratteristiche adatte allo stile di gioco del Milan di Stefano Pioli. L’unico freno riguarda il prezzo: la valutazione tra i 35 i 40 milioni lo rende praticamente inamovibile a gennaio. Più facile pensare di acquistarlo a giugno.

Sven Botman con la maglia del Lille - Stagione 2021-22

Credit Foto Getty Images

Nathan Ake (Manchester City)

Alto 1.80 m, l’olandese nasce come difensore centrale, ma è un calciatore che può giocare anche come terzino sinistro e come mediano di centrocampo. Caratteristiche che non sono passate inosservate agli occhi della dirigenza del Milan, sempre attento ai profili duttili. Il problema, qui, consiste nello stipendio. Il City chiede una cifra attorno ai 25/28 milioni di euro, che il Milan potrebbe scavalcare con la formula-Tomori (prestito oneroso con diritto di riscatto), ma il centrale degli Skyblues guadagna 4.8 milioni di euro netti: decisamente troppo per i rossoneri.

Nathan Aké (Manchester City)

Credit Foto Getty Images

Eric Bailly (Manchester United)

L’ivoriano frequenta l’Old Trafford dal 2016, ma nelle ultime stagioni è sempre stato un rincalzo. A 27 anni, evidentemente, si sente pronto a mettersi in discussione in una nuova esperienza di livello primario. È alto quasi un metro e 90, ha vinto la Coppa d’Africa nel 2015 ed è molto abile nel gioco aereo. La società inglese ha aperto le porte a un prestito (il giocatore è sotto contratto fino al 2024), e lo stipendio del compagno di squadra di Franck Kessie rientra nei parametri finanziari della società di via Aldo Rossi. È la pista più calda.

Abdou Diallo (PSG)

Il senegalese, classe 1996, è un giocatore duttile: nasce come difensore centrale ma con il passare degli anni ha saputo trasformarsi anche da esterno sinistro, dove ultimamente è stato utilizzato con maggiore frequenza. Dal lato del PSG c'è la disponibilità a fare l'operazione, ma le cifre richieste sono ritenute alte dal Milan (25 mln di euro). Qualora i parigini abbassassero le pretese, i rossoneri sarebbero disposti anche a fare un investimento e comprare il giocatore a titolo definitivo. Dopo Bailly, in pole position c’è proprio lui.

Abdou Diallo (Paris Saint-Germain)

Credit Foto Getty Images

Gleison Bremer (Torino)

Il brasiliano - uno dei difensori più forti del nostro campionato - ha un contratto in scadenza nel 2023 e il Torino vuole evitare un altro "caso" Belotti, che con ogni probabilità lascerà i granata in estate. Secondo Tuttosport, l'intento di Urbano Cairo è di rinnovargli il contratto - con adeguamento a 1.8 milioni a stagione - fino al 2024, in modo da avere più potere in estate. Con ogni probabilità, sarà quello il periodo in cui tentare l'affondo su Bremer.

Mourinho chiama Ndombélé, Gabbia alla Sampdoria

Calciomercato
Tabellone di mercato: tutti gli acquisti e le cessioni di gennaio
03/01/2022 A 16:23
Calciomercato
Vlahovic-Juve, affare fatto! Inter su Scamacca e Kessie
2 ORE FA