L'occasione spesso fa l'uomo ladro oppure, nel caso dell'Inter, magari semplicemente scaltro. I nerazzurri non intendono restare impantanati nella delusione del mancato Scudetto e riflettono sulle mosse attraverso cui passerà l'operazione rilancio in vista dell'anno prossimo. Con lo spettro della cessione di uno dei top player all'orizzonte (Bastoni l'indiziato, ma occhio ai movimenti attorno a Lautaro e Skriniar) per l'Inter diventa a questo punto doveroso approfittare delle circostanze favorevoli.
Un mantra che si dirama al momento in due vie principali: il rinnovo di Perisic e la corte piuttosto insistente a Dybala. E' stato piuttosto chiaro su entrambi i temi l'a.d. Marotta: "Perisic si merita una riconferma e spero ci siano tutti i presupposti per definire positivamente questa. Dybala è certamente un'opportunità buona". Ma come si stanno effettivamente evolvendo le due trattative?
Calciomercato
Le 5 trattative che vi siete persi oggi (28/06)
UN' ORA FA

Perisic-Inter, passi avanti. Ma la Juve resta vigile

Dopo il grande gelo, tra il croato e il club nerazzurro la temperatura sembra essersi leggermente intiepidita. L'Inter ha capito che il malumore del ragazzo, esternato senza peli sulla lingua a margine della finale di Coppa Italia, è reale ed ha preso atto di dover velocemente ricucire lo strappo andando incontro in maniera netta e convinta alle sue richieste. La controproposta inizialmente non prevista del club sembra almeno su carta in linea con le pretese dei giocatore: biennale a 6 milioni raggiungibili attraverso ricchi bonus.
Uno sforzo importante che ha certamente rasserenato gli animi e in parte spiazzato la Juve, che già pregustava lo sgambetto agli eterni rivali e sognava di regalare ad Allegri un'altra freccia per il futuro 4-3-3. L'Inter però ha preso atto della evidente difficoltà nel sostituire un giocatore tanto determinante, soprattutto vista l'impossibilità di effettuare investimenti massicci. Marotta perciò punta per il momento sul monte ingaggi comunque elevato, preferendo l'usato sicuro di un Perisic mai così decisivo nonostante i 34 anni suonati.

Inzaghi: "Rinnovo Perisic? La società sa come la penso"

Per Dybala la strada è tracciata: ecco quando si può chiudere

Più che sicuro, nella testa dell'a.d. nerazzurro, è anche l'eventuale investimento Dybala. Un'occasione, certo, ma anche uno stravolgimento non indifferente con annesse criticità. Dybala sente di essere un giocatore determinante e pretende un ingaggio all'altezza della sua qualità. Un ragionamento insufficiente a convincere la Juve ad accontentarlo, ma che all'Inter potrebbe risultare meno indigesto. Marotta assicura che "non c'è stato nessun contatto", ammettendo però al contempo che il giocatore interessa.
Una mossa volta anche a fugare qualunque dubbio sulla buona predisposizione della Joya ad accettare il progetto nerazzurro, con buona pace di chi raccontava del "mai all'Inter" pronunciato durante il suo ultimo saluto allo Stadium. Tutte le strade, insomma portano al Suning Center, tanto che si parla già di un principio di accordo sulla base di un contratto triennale da 7 mln a stagione più bonus con opzione per il quarto anno. Una pista, quella di Dybala, che è pronta a surriscaldarsi una volta sistemata la questione Perisic: una decina di giorni, su per giù, a meno che Totti non riesca a inculcargli il giallorosso di Roma nella testa. Intrecci, mosse, idee: l'Inter ha pronti due colpi niente male, con buona pace della Juve...

Come cambierebbe l'Inter con l'acquisto di Dybala

Calciomercato
Botman ufficiale al Newcastle: "Voleva la Premier già a gennaio"
UN' ORA FA
Calciomercato
Dalla Francia: "Neymar via dal PSG". Inter: Sanchez blocca Dybala
4 ORE FA