A 12 giorni dalla conclusione del mercato, ecco la bomba che può dare una decisa ravvivata al mondo dei trasferimenti: Ousmane Dembélé, in sostanza, può essere considerato ufficialmente sul mercato. Ad annunciarlo è stato Xavi, allenatore del Barcellona, che ha confermato quel che molti hanno capito ormai da varie settimane: il rinnovo di contratto dell'attaccante francese, in scadenza il prossimo 30 giugno, è lontanissimo. Se non praticamente impossibile.
| Tutte le news di calciomercato | Il tabellone delle ufficialità | Tutte le deadline |
Non ha usato giri di parole, Xavi, durante la conferenza stampa di presentazione della gara contro l'Athletic Bilbao, match di Coppa del Re in programma domani sera. Quando gli hanno chiesto del caso Dembélé, l'ex centrocampista ha delineato nei dettagli la situazione, avvicinando sensibilmente lo scenario di una separazione immediata: "Tutto quello che posso dire è che è una situazione complessa, difficile. Il club ha deciso che, se non rinnoverà, dovremo prendere una decisione immediata con lui. Non è facile, ma Mateu Alemany sta trattando con il suo agente ormai da cinque mesi, e noi non possiamo più aspettare".
Calciomercato
Quando chiude il mercato? Tutte le deadline
03/01/2022 A 18:36
Nessuna tribuna punitiva fino alla fine della stagione: la "decisione" di cui parla Xavi, come detto, è quella di cedere Dembélé entro fine mese, per evitare di perdere l'ex giocatore del Borussia Dortmund a parametro zero a partire dal prossimo 1° luglio. "No, non stiamo contemplando l'idea di mandarlo in tribuna. O rinnova o cercheremo di cederlo. Lui dice che vuole rinnovare, però non si decidono a farlo. Non capisco. Noi non possiamo più attendere: o è una cosa o è l'altra. Io non voglio mancare di rispetto a nessuno, però non abbiamo alternative: o rinnova o se ne va".
Qualche settimana fa, dalla Spagna era emersa la voce di un presunto principio d'accordo tra Dembélé e la Juventus. Che però, dal canto suo, ha smentito l'accostamento al francese. Considerate le difficoltà ad arrivare ad Anthony Martial, come ammesso dall'amministratore delegato Maurizio Arrivabene prima della partita contro la Sampdoria, è però uno scenario che può rapidamente tornare di moda. La caccia a un profilo che possa rimpiazzare Federico Chiesa, costretto ai box fino al termine della stagione, prosegue.

Allegri: "Il mercato di gennaio non risolve i problemi"

Calciomercato
Tabellone di mercato: tutti gli acquisti e le cessioni di gennaio
03/01/2022 A 16:23
Liga
Magia di Jordi Alba al 94': 2-1 al Betis, Barcellona in Champions
07/05/2022 A 19:20