Un gesto nobile in un anno davvero da cancellare. La terra continua a tremare, ma il peggio si è avuto martedì, quando una scossa di magnitudo 6.4 ha colpito la Croazia, con epicentro Petrinja, cittadina di circa 23mila abitanti a 46 km dalla capitale Zagabria. Finora si contano 7 vittime e decine di feriti, mentre continuano le ricerche dei sopravvissuti sotto le macerie, provocate dai numerosi crolli che hanno distrutto il Paese. Un altro dramma sul finire di questo 2020 che ha ferito nell'animo anche uno degli sportivi croati più rappresentativi: Dejan Lovren. Vicecampione del mondo con la nazionale e campione d'Europa con il Liverpool, oggi in forza allo Zenit, il difensore ha voluto dare il proprio aiuto in questa difficile situazione dopo il terremoto, offrendo il proprio albergo come alloggio per le famiglie degli sfollati: "Cari cittadini di Petrinja, per le 16 famiglie più in pericolo metto a disposizione il mio hotel a Novalja - ha scritto il 31enne sui social -. Se avete bisogno di un alloggio temporaneo contattate il mio team a info@joelhotel.com o sul Whatsapp 0996769971 con i vostri dati, con precedenza alle famiglie con bambini", il suo post su Instagram.
Amichevoli
Vida positivo al Covid, ma gioca il 1° tempo di Turchia-Croazia
12/11/2020 A 06:33

Da Caputo all'addio a Diego: i 10 momenti del calcio nel 2020

Amichevoli
Francia-Croazia è un plagio: 4-2 come la finale Mondiale!
08/09/2020 A 20:42
Calciomercato
Barcellona, clamorose sirene inglesi per Piqué: su di lui Liverpool e Fulham
20/08/2020 A 16:57