Silvio Berlusconi e Adriano Galliani hanno appena rilevato il Monza e uno dei primi giocatori accostati al club della Brianza è stato nientemeno che Antonio Cassano. L'attaccante barese, 36 anni, è fermo da maggio 2016 dopo la sua seconda esperienza alla Sampdoria. Poco più di un anno fa Fantantonio aveva firmato con l’Hellas Verona, neopromosso in Serie A, ma la sua avventura nella squadra di Pecchia era durata solamente due settimane. L'ex giocatore di Milan e Inter, però, ha smentito le ultime voci su di lui in un'intervista del quotidiano genovese Il Secolo XIX.
E’ sempre un onore quando due persone di spessore come Berlusconi e Galliani pensano a te, ma mi sento ancora un giocatore di Serie A, a maggior ragione dopo aver visto in televisione alcune partite del campionato italiano. La qualità globale è davvero modesta. Sia chiaro, la mia priorità, anche per questo, resta sempre la serie A, dove sono convinto di poter fare ancora la differenza [A. Cassano]
Ma Cassano ha aperto anche alla possibilità di giocare in un campionato di livello inferiore, con un'unica, possibile destinazione: “Se proprio devo scendere di categoria, a questo punto in Serie B o in Serie C, andrei in una sola squadra: l’Entella. Lo farei soprattutto per il rapporto di grande stima e amicizia che coltivo da tempo con il presidente Gozzi e anche con l’ambiente. Chiavari mi piace molto, ci vado spesso con la mia famiglia. E mi piacerebbe scrivere un pezzetto di storia dell’Entella. Sono convinto di potercela fare, assieme a Gozzi, una persona stupenda e squisita. È una di quelle sfide che mi intrigano. Offrire il mio contributo per scrivere la storia di una società come l’Entella. C o B non fa differenza per me“.
Calcio
Ufficiale, la Fininvest acquista il 100% del Monza: Galliani è il nuovo ad
28/09/2018 A 10:02
Raffaele Campo
Calcio Internazionale
Da Balotelli ad Adriano: i 14 talenti sprecati del calcio
26/10/2020 A 17:30
Calcio
Ventola e la prima "cassanata" di Cassano: "Prese le chiavi del pullman e partì"
12/07/2020 A 12:00