Difficile essere l'allenatore del Real Madrid, di questi tempi. Zinedine Zidane si riveste da giocatore e dribbla le domande sulla Superlega alla vigilia della doppia sfida di Champions League contro il Chelsea, che vale un posto nella finalissima.
Ne abbiamo già parlato. È assurdo pensare a sanzioni o a una possibile esclusione. Si parla tanto, forse troppo e non possiamo controllarlo. Io devo pensare al campo; ovviamente, credo che tutti vogliamo vedere il Real in Champions. L'arbitro farà il suo lavoro e noi giocheremo la nostra partita. Se dovessimo pensare che tutto sarà contro di noi, combineremmo un pasticcio. Dobbiamo concentrarci sulla partita. Sostegno a Perez? Il presidente sa cosa ho nel cuore, ma non è il momento di parlarne"

«Real» Madrid

Credit Foto Getty Images

Champions League
Ufficiale: finale City-Chelsea a Oporto con 12mila tifosi
21 ORE FA

Il Chelsea

"È una partita molto importante e vogliamo competere al meglio. Sarà difficile perché il Chelsea è una squadra che attacca e difende bene. Dobbiamo fare attenzione dietro e attaccare con pericolosità. Ci sarà bisogno della nostra versione migliore. Non scegliamo tra campionato e Champions, siamo ancora vivi in entrambe le competizioni. Abbiamo avuto molte difficoltà ma ci siamo risollevati. C'è ancora un mese di partite e certo, incontreremo delle difficoltà come accaduto contro il Betis. Dobbiamo però dare tutto in campo e pensare che tutto sia ancora possibile"
"Hazard? Non lo vedo in difficoltà, sabato è stato bravo. Adesso speriamo solo che cominci a girare. Siamo contenti che sia tornato, ci darà un grosso contributo"

Zidane: “Un ritorno di CR7? A Madrid lo amano tutti”

Champions League
Manchester City-Chelsea, la finale si sposta a Wembley?
10/05/2021 A 12:25
Champions League
Mount e Pulisic: dal camp estivo alla finale di Champions
06/05/2021 A 14:53