Alzi la mano chi si aspettava un ritorno così di Alvaro Morata. Sei gol in sette partite contro Crotone, Dinamo Kiev (doppietta), Spezia e Ferencvaros (doppietta) a cui se ne aggiungono cinque annullati, per gli amanti dei numeri. Il 28enne di Madrid, tornato a Torino con un prestito con diritto di riscatto, è diventato in un mese il perno dell'attacco di Andrea Pirlo e il partner ideale di Cristiano Ronaldo. E il suo sorriso nella pancia della Puskas Arena di Budapest dopo il 4-1 ai campioni d'Ungheria è la diretta conseguenza del suo rendimento:

"Tutto quel che ho passato nella carriera nel bene e nel male ora mi serve, non ho più vent'anni. L'ho detto quando sono arrivato: sono maturato. Adesso quel che devo fare e pensare è dare una mano alla squadra, far tutti i movimenti possibili, avere energia per non far giocare gli avversari. Mi sento bene fisicamente. Le motivazioni sono quelle di ogni giocatore: mi sento voluto e desiderato. Sono contento perchè tre punti in trasferta in Champions sono sempre importanti".

Champions League
Le pagelle di Ferencvaros-Juventus 1-4: bene Cuadrado
04/11/2020 A 22:17

In Champions l'ex Real e Atletico ha segnato 19 gol in 59 partite, 11 con la Juve. Una vera e propria macchina da gol.

Su Cristiano Ronaldo

"Tutte le parole che possiamo dire su di lui sono sempre le stesse. Non devo raccontarlo io, è un grande compagno, è sempre a disposizione e parla tantissimo con la squadra. E' il nostro giocatore più importante, speriamo che continui a segnare e che ci porti dove ha in testa di arrivare".

Pirlo: "Morata ora è un uomo non il ragazzino del Real"

Champions League
Juventus show a Budapest: 4-1 al Ferencvaros
04/11/2020 A 21:53
Champions League
Gasperini: "Voglio arrivare all'Ajax con 2 risultati su 3"
11 ORE FA