1) Mbappé superstar: è lui il dopo Messi-Ronaldo

Senza Neymar e Di Maria, si è preso la scena da solo. Proprio nella casa del Diez. Giocatore fenomenale Kylian Mbappé, che a dicembre ha compiuto appena 22 anni, che ha giá vinto un Mondiale da protagonista, che ora vuole vincere la Champions. Leader tecnico e fisico. La tripletta al Camp Nou lo iscrive giá nell'albo dei grandissimi. Ma la sensazione comune é la stessa: siamo solo all'inizio!

Kylian Mbappé

Credit Foto Getty Images

Champions League
Barcellona-PSG 1-4, pagelle: Mbappé re, Verratti ha classe
16/02/2021 A 22:29

2) Quanta Italia, Mancini gongola grazie al PSG

Moise Kean a segno, ma anche utile in fase difensiva e molto applicato nell'eseguire i compiti richiesti. Alessandro Florenzi rinato, sicuro, presente. Marco Verratti in mezzo a dipingere e orchestrare, quasi da trequartista, perfetto per innescare la miccia Mbappé. Roberto Mancini puó sorridere dopo l'ottavo di finale tra Barcellona e parigini: tre italiani titolari in uno squadrone del genere faranno bene anche alla Nazionale.

3) Barcellona: ciclo finito da tempo, é ora di cambiare

Non é una novitá, ma le brutte figure iniziano a diventare troppe. Liverpool, Bayern, Juventus, PSG. Una caterva di gol subiti negli ultimi anni, tutte sconfitte nette e senza appello. L'umiliazione incassata contro i parigini sembra la cronaca di un'eliminazione annunciata. Nel concreto il Barcellona si è rinnovato male negli ultimi anni, ha perso stelle (Neymar, Suarez) senza sostituirle in modo adeguato, ha speso delle cifre folli per giocatori normali (Dembelé solo un esempio), ha sbagliato programmazione ed é rimasto ostaggio di un Messi anima in pena. Ciclo finito da almeno tre anni: é ora di cambiare.

Gerard Pique

Credit Foto Getty Images

4) Difesa blaugrana imbarazzante

Dest-Piqué-Lenglet-Alba. Mal posizionati, mai allineati, perdenti nei rispettivi duelli individuali. Un disastro difensivo, quattro giocatori lasciati allo sbando, non protetti da Busquets e infilati di continui dalle frecce parigine. In Champions chi si difende in questo modo paga spesso dazio. Koeman pare non averlo capito.

5) Occhio a Paredes, leader grazie a Pochettino

Menzione per l'argentino ex Roma, che sta trovando quella continuitá sempre mancatagli in carriera. Al Camp Nou ha giocato da vertice basso, calibrando ogni azione francese, verticalizzando, calciando benissimo anche da fermo (assist per Kean). Un centrocampista ritrovato e a livelli mai visti prima. Merito anche di Pochettino, che ha alzato Verratti e lo ha responsabilizzato di piú. Questo tipo di prestazioni danno fiducia e aumentano l'autostima.

Pirlo: "Champions è obiettivo, Juve può arrivare in fondo"

Ligue 1
Wijnaldum salva il PSG al 92’: solo 1-1 col Lens
IERI A 22:20
Liga
Primo KO per il Barcellona di Xavi: il Betis gioisce 1-0
IERI A 15:07