Il terremoto Superlega ha sconvolto il mondo del calcio (e non solo) sul finire di una domenica d'aprile. A poche ore dalla gran scissione, continuano ad arrivare reazioni da parte degli attori in questione, con la UEFA in cima alla lista. Aleksander Ceferin si è fatto sentire con accuse mirate e promesse di ripercussioni per i giocatori delle squadre coinvolte, ma il presidente non è stato l'unico rappresentante dell'organo di gestione del calcio europeo ad aprir bocca. Nel pomeriggio di lunedì ha parlato anche Jesper Moller, membro dell'esecutivo e numero uno della Federcalcio danese, in un'intervista all'emittente Dr. Nel mirino la Champions League ancora in corso.

Superlega, la guida: tutto quello che c'è da sapere in 90''

"Chelsea, City e Real vanno escluse dalle semifinali di Champions. I club devono andarsene e mi aspetto che accada venerdì, quando ci sarà un comitato esecutivo straordinario. Poi dovremo vedere come finire il torneo" ha dichiarato Moller. Sotto tiro anche l'Arsenal, qualificata per le semifinali di Europa League. Le quattro squadre fanno parte delle dodici firmatarie del progetto rivoluzionario, insieme a Juventus, Milan, Inter, Manchester United, Liverpool, Tottenham, Barcellona e Atletico Madrid. L'unica squadra a "salvarsi" tra le attuali qualificate al penultimo atto della Champions League 2020/21, invece, sarebbe il PSG, che non fa parte, al momento, della nascente Superlega.
Champions League
Hazard ride e scherza dopo il ko: indignazione dei tifosi del Real
11 ORE FA
Champions League
City-Chelsea: data, ora e statistiche (pazze) della finale
11 ORE FA
Champions League
Zidane: "Il Chelsea ha meritato di vincere, ha giocato meglio"
11 ORE FA