Dopo la sconfitta a San Siro nel primo turno contro il Real Madrid, l'Inter si prepara ad affrontare la seconda gara valida per i gironi di Champions League contro lo Shakhtar Donetsk di Roberto De Zerbi. Questi i temi toccati dal tecnico Simone Inzaghi alla vigilia del match di Kiev.

Sullo Shakhtar

Lo Shakhtar ha fatto un grandissimo percorso. Sono passati più di 20 anni, lo Shakhtar nel frattempo ha fatto un grande cammino arrivando vicino alla finale di Europa League e anche negli ultimi anni ha fatto ottime Champions. Sicuramente domani sera vorrà crearci dei problemi”.
Champions League
Da Conte a Inzaghi, 1° bilancio Inter: Champions la chiave
28/09/2021 A 08:12

Sulla partita, già decisiva?

"Non lo è ancora, ma di certo sarà una partita molto molto importante. Lo Shakhtar è una grande squadra. E' ben allenata e con individualità importanti. Dovremo esser bravi a fare un'ottima gara sapendo che arriviamo da una buona partita contro l'Atalanta. Contro la Dea la squadra e la reazione mi sono piaciute molto".

Su De Zerbi

"Lo stimo molto, è un allenatore preparato che riesce a trasmettere le sue idee alle sue squadre. Si vede che sta cercando di portare le sue idee di calcio ed è stato molto bravo perché in due mesi e mezzo questa squadra ha già assorbito le sue indicazioni. Lo Shakhtar per alcuni aspetti è molto simile al Sassuolo. Dovremo stare molto attenti e fare una partita intensa, loro hanno ottime individualità e giocano molto bene a calcio".

Sugli equilibri della squadra e la fase difensiva

"Possiamo migliorare dietro, ma abbiamo fatto le prime sei di campionato più la gara contro il Real Madrid nel migliore dei modi. Siamo il migliore attacco della Serie A, forse potremo concedere meno ma questo è il nostro modo di giocare. Sono molto soddisfatto dei ragazzi, vedo che vorrebbero di più. Ho visto delusione dopo il pareggio contro l’Atalanta nonostante fossimo in svantaggio e questo da allenatore fa molto piacere. Vorrei vedere più equilibrio, attacchiamo con tanti uomini e sviluppiamo tanto calcio ma probabilmente dobbiamo cercare scelte meno difficili, sbagliando passaggi semplici a volte si prendono transizioni e contropiedi molto pericolosi. Abbiamo trovato qualche difficoltà e partite in cui siamo passati in svantaggio, ma sono felicissimo delle reazioni della squadra. Nonostante gli episodi non favorevoli, e ce ne sono stati più di uno, la squadra è sempre rimasta lucida".

Sugli infortuni di Correa e Vidal

"Correa e Vidal si sono allenati in gruppo e ci sono buone sensazioni, domani avremo un altro allenamento. Ho dei dubbi, ma me li porterò fino a domani".

Sull’Inter con l’Atalanta, tornata pazza?

"Mi sto divertendo molto a vedere la mia squadra. Avremmo voluto vincere sabato, probabilmente lo avremmo anche meritato. Ma abbiamo trovato un avversario di grande valore che è venuto a San Siro a giocarsi la partita a viso aperto. Ala fine sia noi che l’Atalanta dobbiamo accettare il pareggio”.

Inzaghi: "Se giochiamo così possiamo passare il girone"

Serie A
Conte via dall'Inter? "Per diverse visioni sul futuro della società"
20/09/2021 A 15:48
Calciomercato 2020-2021
Arsenal: Arteta out? Il sogno è Antonio Conte
24/08/2021 A 15:35