Dopo 10 anni d’assenza l’Inter sfata il tabù ottavi di finale e torna tra le magnifiche 16 della Champions League. Il primo obiettivo della stagione, quello per cui Simone Inzaghi aveva firmato la scorsa estate quando ha preso il posto di Antonio Conte sulla panchina dei nerazzurri, è centrato. Decisiva la terza vittoria consecutiva ottenuta a San Siro contro lo Shakhtar Donetsk (2-0 griffato Dzeko) e la contemporanea vittoria del Real a Tiraspol sul campo dello Sheriff. Un traguardo importantissimo a livello di prestigio e anche di ritorno economico, quello ottenuto da Handanovic e compagni che nell’ultima giornata avranno addirittura la possibilità di giocare per il primo posto, anche se servirà per forza un’impresa al Bernabeu per togliere ai Blancos di Carlo Ancelotti la vetta del gruppo D.

Calendario e risultati

Champions League, calendario e risultati
Champions League
Inter-Shakhtar 2-0, pagelle: Dzeko straripante, Perisic top
24/11/2021 A 19:45

Inzaghi è riuscito dove Conte e Spalletti avevano fallito

Simone Inzaghi, che nella passata stagione aveva guidato la Lazio agli ottavi di finale, alla prima annata sulla panchina dell’Inter riesce a centrare un traguardo che illustri colleghi, come Spalletti ed Antonio Conte, avevano fallito miseramente: riportare l’Inter agli ottavi di Champions League. L’ultima apparizione dell’Inter in un match ad eliminazione diretta in Coppa Campioni, risale alla stagione 2011-2012 quando l'Inter di Claudio Ranieri fu eliminata dall'Olympique Marsiglia agli ottavi di finale.

De Zerbi elogia Inzaghi: "Non è scontato quello che sta facendo"

Champions League
Dzeko show, Shakhtar KO: nerazzurri agli ottavi
24/11/2021 A 17:09
Champions League
Europa: incubo Allegri, il sogno di Messias, il risveglio di Zaniolo
26/11/2021 A 09:36