Inter-Real Madrid, match valido per la prima giornata del gruppo D di Champions League, è terminato 0-1. A Milano, gran primo tempo della squadra di Simone Inzaghi che però non riesce a trovare il gol e che viene punita severamente con la zampata nel finale di Rodrygo. Vediamo insieme migliori e peggiori del match.

=== INTER ===

Samir HANDANOVIC – 6: inoperoso nel primo tempo, leggermente più impegnato nella ripresa senza dover però compiere interventi decisivi. Impotente sul gol.
Serie A
Le pagelle di Fiorentina-Inter 1-3: follia Gonzalez, riscossa nerazzurra
5 ORE FA
Milan SKRINIAR – 7,5: muro. Sfiora il gol da angolo nel primo tempo, poi sigilla il lato destro della difesa interista, e non solo, con una grande prestazione.
Stefan DE VRIJ – 6: Benzema è un osso duro, l’olandese se la cava con mestiere e sfruttando una serata non certo di grazia del francese.
Alessandro BASTONI – 5,5: non al meglio, si vede. Perde diversi palloni sanguinosi al limite dell’area non da lui.
Matteo DARMIAN – 6,5: spinge bene coadiuvato come sempre dalL'onnipresente Barella. Un filo precipitoso in alcuni traversoni che avrebbe potuto calibrare meglio, ma gara più che positiva la sua (dal 54’ Denzel DUMFRIES – 6: parte maluccio con qualche pallone facile sbagliato, si rifà con un paio di sgroppate e una diagonale difensiva che infiamma San Siro. Tagliato fuori anche lui sul gol nel finale.)
Nicolò BARELLA – 6,5: solito motorino instancabile, nel primo tempo mette a ferro e fuoco la fascia destra d’attacco con Darmian. Cala un filo anche lui nella ripresa, esce stremato. (dall’84’ Matias VECINO sv)
Marcelo BROZOVIC – 7: migliore in campo per l’Inter nel primo tempo. Forse il vero uomo insostituibile in questa Inter. E’ il faro in mezzo al campo, tutto passa dai suoi piedi.
Hakan CALHANOGLU – 5,5: fatica a trovare la posizione, fatica ad accendersi e ad accendere il gioco interista. Ancora troppo poco (dal 65’ Arturo VIDAL – 5,5: stesso voto del turco, anche perché non si vede molto la differenza tra i due)
Ivan PERISIC – 6: spinge bene contenendo anche molto bene Carvajal. Gli manca sempre l’ultimo guizzo, bello il cross che disegna per il colpo di testa di Lautaro nel primo tempo (dal 54’ Federico DIMARCO – 6: dopo l’esordio da titolare con gol pazzesco dello scorso weekend, paga un po’ l’emozione nei primi minuti. Poi prende coraggio e spinge con frequenza.)
Lautaro MARTINEZ – 6: generoso come sempre, ci mette l’anima. Troppo centrale però quel colpo di testa su cioccolatino di Peresic. Inzaghi, un po' a sorpresa, richiama in panchina ancora lui. (dal 65’ Joaquin CORREA – 5: entra timido e poco propositivo. Non si accende mai.)
Edin DZEKO – 6: prezioso il suo lavoro di sponda, ha le migliori occasioni del match ma in entrambe le occasioni davanti a sè trova un grandissimo Courtois. Chiude con la spia della riserva ben accesa.
All. Simone INZAGHI – 6,5: ottimo primo tempo, dove l’unico rimpianto è non capitalizzare in almeno un gol le tante occasioni create. La sua Inter cala nella ripresa, e subisce gol nel finale nella più classica delle beffe. Obiettivamente sconfitta immeritata, anche il pubblico sembra comunque apprezzare e San Siro saluta la squadra nel finale con gl applausi. Ko immeritato, ma la prestazione resta da grande squadra.

L'incredulità di Lautaro Martinez, Inter-Real Madrid, Getty Images

Credit Foto Getty Images

=== REAL MADRID ===

Thibaut COURTOIS – 7,5: migliore in campo, tiene a galla il Real Madrid soprattutto nel primo tempo con almeno tre parate. Molto, molto bene anche nella ripresa sulla capocciata di Dzeko.
Dani CARVAJAL – 6: solito lavoro prezioso, molto meglio nella ripresa dove prende più coraggio con qualche scorribanda offensiva in più.
Eder MILITAO – 6: capocciata che esce di poco nel primo tempo da angolo, per il resto fa a sportellate con Lautaro.
David ALABA – 6: soffre molto la fisicità di Dzeko, ma tutto sommato se la cava con esperienza.
NACHO – 5,5: soffre tantissimo nel primo tempo, un filo meglio nella ripresa anche perché il Real gioca un secondo tempo migliore.
Luka MODRIC – 6,5: anima e cervello di questo Real, sembra non invecchiare mai. Il Real accelera quando accelera lui, rallenta quando il croato decide di rallentare (dall’80’ Eduardo CAMAVINGA 6,5: movimento perfetto tra le linee nerazzurre, assist al bacio per la rete che decide il match. Predestinato.)
CASEMIRO – 6: solita sfida muscolare a centrocampo, un po’ con Brozovic e un po’ con Barella. Equilibratore pazzesco, prova anche la via del gol nei primi 45 minuti con un destro da fuori area.
Federico VALVERDE – 5: si vede poco, pochissimo. Quando accelera sembra poter strappare in due il centrocampo interista, ma per fortuna dell’Inter non succede praticamente mai.
Lucas VAZQUEZ – 6: solita partita generosa e preziosa, soprattutto dal punto di vista tattico, per l’esterno tuttofare di Ancelotti (dal 65’ RODRYGO: 6,5: un pallone toccato, gol da 3 punti. Impossibile chiedere di più, e vero incubo interista.)
VINICIUS – 5: numeri d’alta scuola, ma un po’ fini a se stessi. Velocità e tecnica, ma non la passa mai. Potenziale da fenomeno, Ancelotti ha da lavorarci ancora parecchio però. (dal 90’ Asensio sv)
Karim BENZEMA – 6: la classe è sempre quella dei tempi migliori, però sbaglia parecchio. Non certo la sua serata migliore.
Carlo ANCELOTTI – 6: per quanto visto nel primo tempo, se ne torna a Madrid con un tre punti pesantissimi. Vittoria che vale triplo per quello visto in campo onestamente.

Inter-Real Madrid: la Top 10 degli ex di lusso

Serie A
Fiorentina-Inter, moviola: rosso a Gonzalez per applausi all'arbitro
6 ORE FA
Serie A
Inter, che prova di forza: 3-1 in rimonta alla Fiorentina
7 ORE FA