Carlo Ancelotti vs Pep Guardiola, capitolo otto. Il ritorno della semifinale di Champions League tra Real Madrid e Manchester City (l'andata, splendida, è finita 4-3 per i Citizens), mette di fronte ancora una volta due degli allenatori più vincenti della storia del calcio e della competizione.
Nell'Europa che conta sono, infatti, cinque in totale i titoli in bacheca tra le due panchine: tre per l'italiano, due per il catalano. Il bilancio dei precedenti vede Pep in vantaggio 5-2, ma il padre del tiki taka ha perso quello che pesava di più, ovvero il ritorno della semifinale tra Real e Bayern nel 2014, 4-0 all'Allianz Arena senza diritto di replica con doppiette di Sergio Ramos e CR7.
  • I 7 precedenti tra Ancelotti e Guardiola
Liga
Ancelotti: "Dopo il Real forse smetto. Benzema da Pallone d'Oro"
03/05/2022 A 08:35
StagioneCompetizioneSquadreRisultato
13/14Champions (semi)Real-Bayern1-0
13/14Champions (semi)Bayern-Real0-4
19/20Premier LeagueCity-Everton2-1
20/21Premier LeagueEverton-City1-3
20/21FA CupEverton-City0-2
20/21Premier LeagueCity-Everton5-0
21/22Champions (semi)City-Real4-3

Le due filosofie: integralismo vs camaleontismo

La partita giocata una settimana all'Etihad fa è stata il manifesto del calcio contemporaneo e ha evidenziato le filosofie, contrapposte, dei due allenatori. Da una parte l'integralismo di Guardiola: il calcio è fantasia, certo, ma deve basarsi su una rigida struttura tattica, studiata sui valori del singolo e applicata al collettivo. Dall'altra il camaleontismo di Ancelotti: il suo Real si adatta e azzanna l'avversario nei suoi punti (e momenti deboli), sfruttando le individualità dei campioni, Benzema e Modric su tutti. Estremizzando, per Pep il gruppo trionfa sul giocatore, per Carletto viceversa.

Guardiola: "Dominio all'andata? Magari stavolta vinciamo giocando malissimo"

Sogno Parigi, cosa significa per Guardiola? E per Ancelotti?

C'è, però, solo un biglietto in palio per la finale del prossimo 28 maggio allo Stade de France di Saint-Denis. Se sarà Guardiola a staccarlo, il City avrà la possibilità di riscattare la sconfitta dell'anno scorso al Do Dragao per mano del Chelsea. Ancora una volta contro una squadra inglese, il Liverpool, che ha eliminato martedì il Villarreal e che è solo a un punto di distanza nella volata al titolo in Premier. Se sarà Ancelotti, invece, il Real continuerà il suo percorso da film in questa Champions: dopo aver battuto la creme la crème europea (PSG, Chelsea e, eventualmente, City) e con in tasca la Liga, si ritroverebbe davanti i Reds nell'ultimo atto. Una sfida mai banale. Citofonare a casa Milan.

Guardiola: “Uno dei più grandi rimpianti della mia carriera? Non essere allenato da Ancelotti”

Premier League
Il City si salva in rimonta! Da 0-2 a 2-2 con il West Ham
19 ORE FA
Premier League
De Bruyne devastante: 4 gol e 5-1 del City ai Wolves
11/05/2022 A 19:14