La corsa all’approvvigionamento dei vaccini Covid è disperata. In Argentina si è dovuto addirittura chiamare in causa Leo Messi. Sarebbero servite tre maglie autografate del 10 del Barcellona per ‘sbloccare’ la trattativa per 50mila dosi di vaccino Sinovac, destinate ai calciatori sudamericani impegnati nella prossima Copa América in programma questa estate, in Argentina e Colombia.
A rivelare l’aneddoto è stato un dirigente della Conmebol (la Federcalcio argentina) Gonzalo Belloso che ha ammesso, sul proprio profilo Twitter, che l'azienda farmaceutica cinese Sinovac ha dato il via libera dopo aver ricevuto le tre ‘camisetas’ autografate: “I direttori di Sinovac hanno manifestato la loro ammirazione per Lionel Messi, che ci ha gentilmente inviato tre magliette per loro”
UEFA Nations League
La Nazionale dopo la lezione di Messi: finito un ciclo
03/06/2022 A 10:30
I primi ad ‘approfittare’ di questo carico di dosi dovrebbero essere i calciatori dei massimi campionati argentini e uruguaiani. Ovviamente questa decisione ha scatenato del malcontento nella popolazione dei due Paesi che non ritengono prioritaria la scelta di vaccinare i giocatori. Intanto il Governo deve prima approvare il vaccino cinese Sinovac, al momento fuori dalla lista delle aziende autorizzate.

Messi premiato per il record di presenze con il Barcellona

Amichevoli
Delusione Italia, De Zerbi alle porte? Mancini "vede" un nuovo ciclo
02/06/2022 A 07:37
Serie A
Leo Messi cittadino onorario di San Severino Marche
23/03/2022 A 11:23