Quando si sfidano Udinese e Atalanta in Coppa Italia, lo stadio si trasforma in una sala da ballo per il gala dei debuttanti. Ci sono infatti Alex Meret, Emanuel Insua e Simone Pontisso, oltre a Stipe Perica per la prima volta dal primo minuto, all'esordio con la maglia dell'Udinese; Andrea Conti e i coetanei Grassi e Monachello nella giovane Dea del friulano Edy Reja mentre Colantuono torna a casa dopo 261 partite alla guida dell'Atalanta.
Eppure la scena se la prende ancora una volta Totò Di Natale che dopo appena 5 minuti spiazza Bassi dal dischetto grazie a un calcio di rigore assegnato all'Udinese per fallo inesistente di Grassi su Pasquale. I padroni di casa si conservano in proiezione offensiva fino al ventesimo mentre l’Atalanta risponde con con un colpo di testa di Andrea Conti, classe 1994 debuttante nella Dea, il destro dal limite di Monachello e il sinistro di D’Alessandro respinti dal portiere diciottenne Alex Meret. Di testa spreca anche Estigarribia mentre Di Natale sfiora l'incrocio dei pali con un bellissimo destro sul secondo palo, aggirando Masiello. Infine Conti, smarcato al tiro da Cigarini in verticale, completa il suo sfortunato debutto sprecando una facile conclusione sottoporta prima dell’infortunio a ridosso dell’intervallo.

Coppa Italia 2015/16, Antonio Di Natale segna una doppietta all'Atalanta qualificando l'Udinese agli ottavi di Tim Cup

Credit Foto LaPresse

Coppa Italia
Alessandria da antichi fasti: 3-2 al Palermo eliminato, Vazquez espulso
02/12/2015 A 13:54
A inizio ripresa, l'Atalanta trova subito un meritato pari sul cross basso di Brivio insaccato da Gaetano Monachello, in anticipo dal limite dell'area piccola, e sfiora il vantaggio due volte il vantaggio con Estigarribia, ma per il Chelo non è serata perché sbaglia tutto ciò che tocca, ovvero i preziosi filtranti di un metodico Cigarini. La regola del calcio allora è sempre la stessa perché la Dea, che vince la partita delle occasioni perse, perde invece quella delle reti segnate a causa delle disattenzioni difensive: al 57', Perica sale in cielo anticipando Bassi con un perfetto colpo di testa sul cross a giro di Ali Adnan. Reja corre ai ripari con il Papu Gomez e ci prova ancora con Monachello, ma a quindici dalla fine Di Natale sale in cattedra intercettando in spaccata un assist al bacio (il secondo della partita) di Adnan: una bellissima acrobazia, l'ennesima prodezza di un giocatore infinito, altrochè ritiro a gennaio...
IL MIGLIORE
Antonio Di Natale. Torna titolare ed è subito doppietta per il gol numero 25 in Coppa Italia, meglio di Mazzola, di Sivori e di ogni altro giocatore in attività. Dicono che l'Udinese non vorrebbe rinnovargli il contratto e che Totò, di contro, sarebbe intenzionato a ritirarsi fra un mese. Pare perfino che soffra di un problema agli occhi... Eppure la porta continua a vederla benissimo.

Coppa Italia 2015/16, Udinese-Atalanta, Antonio Di Natale segna in acrobazia il gol del 3-1 definitivo

Credit Foto LaPresse

IL PEGGIORE
Andrea Conti. Un esordio "fra i grandi" da dimenticare per l'esterno ventunenne dell'Atalanta e della Nazionale Under-21: sbaglia un colpo di testa smarcato a centro area, calcia incredibilmente alto un destro sottoporta, si fa male alla caviglia ed esce prima dell'intervallo. Non che il recidivo Estigarribia, in novanta minuti, sprechi di meno...
IL TABELLINO
Udinese (3-5-2) Meret 7; Piris 6,5, Domizzi 5,5, Pasquale 6 (70’ Danilo 6); Insua 6,5, Bruno Fernandes 5,5, Pontisso 6 (55’ Evangelista 6), Marquinho 5,5, Ali Adnan 7; Di Natale 7,5 (79’ Aguirre s.v.), Perica 7. Allenatore: Stefano Colantuono 6,5
Atalanta (4-3-3) Bassi 5; Masiello 5,5, Cherubin 6, Stendardo 5,5, Brivio 6,5 (67’ Gomez 5,5); Grassi 5,5, Conti 5 (45' Raimondi 6,5), Cigarini 7 (79’ Kurtic s.v.); D'Alessandro 6, Monachello 6,5, Estigarribia 5. Allenatore: Edy Reja 6
Arbitro: Riccardo Pinzani di Empoli
Gol: Di Natale rig. 5’ e 76’, Perica 57’; Monachello 48’
Ammoniti: Marquinho, Bruno Fernandes; Estigarribia, Stendardo, Grassi
UEFA Nations League
Italia-Olanda: a Bergamo tornano Immobile e Chiellini
13/10/2020 A 09:48
Serie A
#10YearsChallenge: come eravamo nel 2009 tra bandiere, campioni e promesse non mantenute
18/01/2019 A 12:07