Opinion
Calcio
Coppa Italia

Il Milan sta lavorando sui suoi limiti, la Juventus li ha confermati

Condividi con
Copia
Condividi questo articolo

Milan-Juventus - Coppa Italia 2019-2020

Credit Foto Eurosport

DaRoberto Beccantini
14/02/2020 A 10:08 | Aggiornato 14/02/2020 A 10:22

La semifinale d'andata di Coppa Italia a San Siro ha evidenziato che i bianconeri di Sarri sono ancora malati, mentre i rossoneri di Pioli avrebbero meritato di più. Il peggiore in campo è stato l'arbitro Valeri: ha diretto a spanne indispettendo tutti. E il rigore concesso alla Juve appartiene al mani-comio made in Italy.

Le ultime cene hanno cambiato tante storie, non questa. E i postini, Sarri dovrebbe saperlo, suonano sempre due volte: occhio. La Juventus è entrata in campo malata e malata è uscita dopo un pareggio che, bene o male, le consentirà di gestire la semifinale-bis di Coppa Italia il 4 marzo allo Stadium. Il Milan non l'ha caricata con il furore dei pirati di Juric, ha alternato morsi ad agguati. Avrebbe meritato di più. Un bel Milan.

Spiace bacchettare Valeri: il peggiore. Ha diretto a spanne, indispettendo sia Sarri per le sbracciate a Cuadrado, (la prima di Kessié al limite, la seconda di Rebic in area), sia Pioli per i gialli a Ibra, Castillejo e Theo Hernandez, poi espulso per cumulo, tutti squalificati. E per il rigore, naturalmente. Concesso previo corsetta al Var, appartiene al mani-comio made in Italy. Braccio largo ma distanza ravvicinata e spalle alla sforbiciata di Cristiano, il povero Calabria. O distanza ravvicinata ma braccio largo? Rizzoli, a lei. Figuriamoci se il marziano ha porto l'altra guancia. Ciotti avrebbe parlato di 73mila "testimoni" a San Siro.

Coppa Italia

Le 5 verità che ci ha lasciato Milan-Juventus: la mano di Pioli si vede, quella di Sarri no

14/02/2020 A 07:30

Pioli: "Calabria? Non era rigore. Sono confuso, non capisco più quando è fallo di mano"

00:02:00

Sarri ne aveva rimossi cinque, rispetto a Verona. Qua e là è affiorato il tiki-taka che lo manda in brodo di giuggiole, ma Dybala, preferito a Higuain, girava al largo, mendicante di geometrie. Morale della favola: in area, mai. Di più: in area nessuno. Neppure Cristiano che, distratto dalle locandine requisite dal duello con Ibra, pascolava a sinistra e da lì si spostava con la pigrizia che gli dei riservano a se stessi allorché i devoti non li pregano quanto vorrebbero.

Ronaldo, Samu Castillejo - Milan-Juventus - Coppa Italia 2019/2020 - Getty Images

Credit Foto Getty Images

Pioli aveva sostituito Conti con Calabria. Per il resto, gli stessi del derby. Ecco: il Diavolo è partito più o meno come domenica sera; idem in avvio di ripresa, fino al gol di Rebic. Non un grande Calhanoglu, ma un impatto più efficace, una condotta più attenta e un Ibra immanente, spesso. Anni 38, per la cronaca. Se il Milan conosce i suoi limiti, e ci sta lavorando su, la Juventus li ha confermati. Sono i soliti dell'era Sarri. Pjanic che tocchetta al ritmo del "torero camomillo", Matuidi che si barcamena. Con il tridente l'equilibrio latita. Senza, l'area vuota porta a un torello fastidioso, da ronzio di zanzare, come se la paura di punture frenasse il coraggio.

Sarri: "Il rigore su Ronaldo è clamoroso. E prima ce n'era un altro su Cuadrado"

00:00:53

C'era Ramsey mezzala. Mai una volta che il taccuino, davanti a una sua idea, abbia un sussulto. E questo è uno dei problemi. Non appena il Milan accelerava, i fantasmi del Bentegodi calavano, come avvoltoi, sull'arena. La Juventus non è più di Allegri e non ancora di Sarri, scritto e riscritto, solo che tra poco riprende la Champions e la sintesi non si scorge. Nel momento in cui si rimpiangono gli assenti (Higuain, se Dybala gioca metà campo; l'Omarino, se gioca il Pipita), vuol dire che le Poste non c'entrano, e che se è vero che gli esami non finiscono mai, è vero altresì che continuano a essere troppi. Migliore della Juventus, Buffon. Tiri "veri" della Juventus, uno di Cuadrado. E dopo il rosso a Theo, rigore a parte, zero. A sventolare il possesso palla sorride Allegri. Lui, di sicuro.

Per commentare o fare domande potete inviare una mail a roberto.beccantini@fastwebnet.it o visitare il blog di Roberto Beccantini http://www.beckisback.it/

Buffon scherza: "Se siamo con Sarri? No, siamo totalmente contro di lui..."

00:01:46

Coppa Italia

Le pagelle di Milan-Juventus 1-1: Rebic illude, Dybala unica luce bianconera

13/02/2020 A 22:17
Coppa Italia

Ronaldo su rigore riprende il Milan al 91': la semifinale d'andata finisce 1-1

13/02/2020 A 21:42
Contenuti correlati
CalcioCoppa ItaliaJuventusMilanPiù
Condividi con
Copia
Condividi questo articolo