Quello che andrà in scena domani sera in un San Siro deserto sarà il 25esimo derby di Coppa Italia fra Inter e Milan, il bilancio dei precedenti sorride ai rossoneri che hanno vinto ben 10 stracittadine mentre i nerazzurri sono fermi a quota 7. Un successo permetterebbe al Milan, campione d’inverno, di dimenticare la pesante lezione subita a domicilio contro l’Atalanta di Gasperini. Un 3-0 che ha mascherato qualche limite della squadra di Pioli che però nel suo intervento di vigilia ai microfoni di Milan Tv, non rimugina troppo sul ko coi bergamaschi e si concentra su un derby che mette in palio l’accesso alla semifinale di Coppa Italia.
Questa è una competizione a parte e tra virgolette è anche più semplice da affrontare mentalmente. È una partita unica, che siano 90 minuto o 120 è un’altra competizione e una partita unica. Una competizione alla quale sicuramente teniamo, poi però il campionato sarà un’altra storia. Il prossimo derby fra un mese, con altre partite in mezzo importanti, quindi questa è solo una partita di Coppa Italia, un quarto di finale importante che cerchiamo di affrontare nel miglior modo possibile. È chiaro che ci sono avversari da affrontare, avversari pericolosi, la volonta però sarà sicuramente quella di tornare in campo con una prestazione positiva. È una competizione alla quale teniamo sicuramente, faremo di tutto per arrivare fino in fondo, perché poi alla fine tutte le grandi squadre del campionato si ritrovano a giocare i quarti di finale. Chiaro che non siamo stati particolarmente fortunati nel sorteggio, perché il nostro è diciamo il quadrante più forte, però se vuoi vincere la Coppa Italia devi affrontarle tutte. Sicuramente ci teniamo e faremo del nostro meglio. Se ho dormito dopo l'Atalanta? No, perché ho rivisto la partita e perché credo che nel mio lavoro sia molto importante la comunicazione alla squadra il giorno dopo. Dormo poco dopo le partite, sia dopo quelle vinte che dopo quelle perse perché credo che saper dire le cose giuste alla squadra sia la cosa più importante”.

Pioli: "Non sono preoccupato. Meité trequartista? Lo rifarei"

Coppa Italia
Inter-Milan di coppa: trasformare rabbia e delusione in benzina
25/01/2021 A 17:08

"Calhanoglu out, Tonali, Mandzukic e Kalulu in dubbio"

"Squalificato Donnarumma, che sarà sostituito da Tatarusanu tra i pali, il Milan recupera Saelemaekers e Romagnoli mentre solo nella rifinitura di domattina saranno sciolti gli ultimi dubbi: “Per quanto riguarda gli infortunati Bennacer sta meglio ma sarà disponibile per la partita di sabato prossimo contro il Bologna. Hakan non è ancora disponibile e abbiamo avuto un paio di problemi con Mandzukic, Kalulu e Tonali con la partita di sabato. Solamente domani mattina sapremo se saranno disponibili per la partita di domani sera”.

Mario Mandžukić, nuovo acquisto del Milan (foto sito Milan)

Credit Foto From Official Website

"Fatti 84 punti in due gironi, ma serve sforzo ancora maggiore"

Restano i 43 punti del girone d’andata così come restano i 41 punti del girone di ritorno dello scorso campionato che comunque fa parte del nostro percorso. Resta una squadra solida e competitiva ma che sa che deve competere con tante altre formazioni molto forti e molto valide. Ne abbiamo avuto la riprova sabato scorso, se non riesci a mantenere certi livelli poi rischi di soccombere contro questi avversari. Il nostro obiettivo adesso è fare uno sforzo ancora maggiore per provare a mantenere lo stesso risultato nel girone di ritorno. Io credo che nel nostro mestiere avere delle pressioni è un privilegio. Significa essere arrivati ad un certo livello e noi ci vogliamo stare, quindi ben vengano le pressioni. Noi vogliamo essere ambiziosi e vincere tutte le partite. Quando non ci riusciamo lavoriamo ancora di più per far sì che non si ripeta. Le pressioni sono un privilegio e dobbiamo conviverci. Anzi, vogliamo queste pressioni perché siamo in un grande club ed è giusto che ci siano delle aspettative”.

Milan: Mandzukic sceglie la 9, la maglia maledetta!

Coppa Italia
Inter-Milan: probabili formazioni e statistiche
25/01/2021 A 10:04
Serie A
Maignan: "Sono nero e orgoglioso, finché potrò usare la mia voce lo farò"
5 ORE FA