Guai per l'attuale ct del Malta, Devis Mangia. Il tecnico italiano classe 1974, ex allenatore del Palermo e degli Azzurrini Under-21, è stato denunciato alla polizia dalla federcalcio maltese per molestie sessuali. Da diversi giorni giravano sospetti provenienti dalle segnalazioni di alcuni giocatori che hanno mandato allo scoperto gravissimi comportamenti del loro commissario tecnico. In giornata è arrivata la conferma attraverso il comunicato ufficiale della federazione calcistica maltese, sospendendo temporaneamente Mangia dalla guida della nazionale.
L'allenatore ha cercato di difendersi negli scorsi giorni, reputando le accuse dei due calciatori "false e infondate". Resta ancora da verificare invece la veridicità di una registrazione resa pubblica persino in televisione che rappresenterebbe per il momento la prova incalzante per cui la nazionale maltese ha voluto vederci chiaro: si tratterebbe della testimonianza della madre di un calciatore rumeno risalente ad fatto avvenuto cinque anni prima, quando suo figlio avrebbe subito abusi sessuali e aggressioni da parte di Devis Mangia, che lo allenava all'Universitatea Craiova. Un altro giocatore invece ha accusato il tecnico di averlo spinto in depressione e che per colpa dei suoi comportamenti avrebbe deciso di smettere di giocare a calcio.
Mondiali
Mbappé come Pelé: 7 gol ai Mondiali prima dei 24 anni
4 MINUTI FA
Nel comunicato, la federazione dichiara di aver aperto un'indagine nei confronti del proprio ct, facendo appello anche agli organi internazionali (FIFA e UEFA) per chiedere sostegno e prendere provvedimenti.

Il comunicato di Malta Football Association

La Federcalcio maltese sta valutando attivamente e costantemente tutti gli sviluppi in relazione al caso riguardante Devis Mangia, il capo allenatore delle squadre nazionali che è stato temporaneamente sollevato dalle sue funzioni a seguito di accuse di cattiva condotta.
La Federcalcio maltese sottolinea che, sin dal momento in cui le sono state depositate le segnalazioni, l'Associazione ha adottato un approccio rapido e deciso, sollevando temporaneamente il sig. Mangia dalle sue funzioni di allenatore della nazionale, come annunciato nel comunicato ufficiale diffuso martedì mattina (27 settembre 2022). Inoltre, l'Associazione ha convocato una riunione urgente del suo Consiglio Direttivo che ha ratificato la decisione di sollevare temporaneamente il Sig. Mangia dalle sue funzioni, e la questione è stata deferita al Consiglio di Salvaguardia dell'Associazione per le indagini.
Sebbene, al momento in cui si scrive, questo caso ruoti ancora attorno alle accuse, la gravità delle affermazioni rende imperativo per l'Associazione chiedere consiglio sia alla FIFA che alla UEFA, adottando lo stesso approccio utilizzato nei casi relativi a problemi di integrità nel calcio internazionale.
Mentre la FA di Malta ha immediatamente avviato un'indagine ed è confortata dalla consapevolezza di disporre delle strutture e dei processi interni predisposti per affrontare tali questioni, questa mattina l'Associazione ha inoltre denunciato queste accuse anche alla polizia esecutiva.
Nel ribadire la sua determinazione a non lasciare nulla di intentato nella ricerca dei fatti, la FA di Malta è sempre aperta a qualsiasi forma di whistleblowing e tutte le segnalazioni di questa natura sono trattate molto seriamente.

John Barnes e la sua lotta al razzismo nel Calcio inglese

Mondiali
Mondiali, programma 27 novembre: il giorno di Spagna-Germania
2 ORE FA
Mondiali
Raphinha polemico: "Il Brasile non si merita Neymar"
2 ORE FA