"Ci sono molte partite che non sono competitive nei campionati europei e questo non cattura l'interesse dei tifosi. I tifosi non possono essere dati per scontati e noi dobbiamo offrire loro la miglior competizione possibile, altrimenti rischiamo di perderli. C'è del potenziale per un futuro luminoso, ma è nostro dovere intercettare un cambiamento, altrimenti il rischio è quello di implodere".
Così ha esordito Andrea Agnelli, presidente dell'European Club Association, durante la 25ª assemblea svolta in videoconferenza. Un intervento che ha messo al centro la crisi che sta vivendo il calcio a causa del Coronavirus.
"Le perdite sono state tra i 6,5 miliardi e gli 8,5 miliardi nelle due stagioni, circa 360 club di prima divisione hanno bisogno di soldi per una somma di circa 6 miliardi, i top 20 club per quanto riguarda il reddito hanno fronteggiato una perdita di 1.1 miliardi nella stagione 2019/20. Questa crisi grava sulle spalle di tutti i club. Negli ultimi mesi si è palesato un interesse da alcuni grandi soggetti a livello finanziario sul calcio, basti pensare a cosa sta tuttora succedendo in Italia con la trattativa con i fondi, ma penso anche a tante altre situazioni, a partire dalle fughe di notizie sull'interesse di JP Morgan nella Superlega. Questi soggetti non sono interessati alla solidarietà, ma ai ritorni dagli investimenti. Se cambiamo, possiamo guardare a questi investimenti. Calcio, economia e politica sono al bivio. Dobbiamo intercettare queste possibilità e agire, altrimenti rischiamo di implodere".
Calciomercato 2020-2021
Lo Zenit tenta il Toro: 30 milioni per Belotti
5 ORE FA

Un nuovo format

“Oggi avremo una presentazione sul format per le competizioni continentali dal 2024, il famoso Swiss system che è stato proposto da uno dei nostri membri, Edwin Van Der Sar dell’Ajax. All’inizio in molti erano scettici ma ora la bellezza del sistema è stata riconosciuta da tutti. Spero che oggi daremo endorsement e daremo mandato per delineare gli ultimi aspetti, soprattutto per quanto riguarda il sistema d’accesso alle competizioni”.
Il modello si ispira al massimo campionato elvetico. La nuova Champions, che dal 2024 dovrebbe passare dalle 32 squadre attuali a 36, non prevederebbe più la classica divisione in gironi, ma un’unica classifica. Nella prima fase, ciascuna squadra giocherebbe dieci partite contro altrettanti rivali tramite sorteggio. Le prime otto squadre accederebbero alle gare a eliminazione diretta, mentre quelle classificate tra l'8° e il 24° posto si sfiderebbero ai playoff per passare agli ottavi di finale “classici”. Da lì in poi, tutto come avviene nella formula attuale.

La citazione del discorso di Mario Draghi al Senato dello scorso 17 febbraio

"Se non ci muoviamo, rimarremo soli nella illusione di quello che siamo, nell'oblio di quel che siamo stati e nella negazione di quel che potremmo essere".

Juventus, quando Agnelli e Paratici avevano già le idee chiare sul futuro di Andrea Pirlo

Serie A
Juventus, Ronaldo salta il Berlusconi, out anche Dybala
6 ORE FA
Calciomercato 2020-2021
Roma, che beffa: Xhaka sta per rinnovare con l'Arsenal
6 ORE FA