Il calcio inglese conosce un nuovo problema di violenza? Se il metro di paragone è quello degli anni 80, no, queste che stiamo per raccontarvi sono frivole scaramucce tra scolaretti. Che gli episodi di “intolleranza”, se così vogliamo definirli, stiano tornano “alla moda” anche nella tanto decanta Inghilterra, è però un dato di fatto. Specie in questo 2016.
Per anni – e lo si fa da più parti tutt’ora – è stato raccontato il successo del ‘modello inglese’ nella lotta alle frange più violente del tifo. Un processo iniziato dal pugno di ferro della Thatcher, passato dalla strage dell’Hillsborough e completato dalla creazione della Premier League, un prodotto capace di trasformare gli stadi inglesi da scenari popolari a teatri per la medio-alta borghesia e turisti del football, dove risse e alcool hanno lasciato spazio a megastore e cibi a prezzi inaccessibili.
Eppure le ultime immagini che ci arrivano da Marsiglia raccontano di quanto, seppur in tono minore, il tifo inglese conosca ancora un determinato tipo di scenario. Ma soprattutto di come questo 2016 lo abbia riportato alla luce.
Euro 2016
Ventura esonerato anche se batte la Svezia? Difficile ma non impossibile. Conte e Ancelotti i sogni
13/11/2017 A 08:56
Se è vero infatti che la piccola rissa di Marsiglia tra i tifosi inglesi, qualche francese e le autorità competenti non ha portato a che qualche contuso e un paio di arresti – come ha confermato la polizia francese – altrettanto lo è che dentro e fuori dall’Inghilterra, in questa stagione, abbiamo visto episodi che negli scorsi anni erano totalmente scomparsi.
Siamo andati a pura memoria, ma da gennaio a oggi sono state parecchie le situazioni di tensione in cui è stato necessario l’intervento della polizia. Fuori ma anche dentro lo stadio. E questa è una novità.
A gennaio ad esempio, nel 2-2 tra West Ham e Manchester City…
…ma anche a marzo, quando nella serie ravvicinata di derby d’Inghilterra tra Manchester United e Liverpool qualche tifoso dei Reds seduto nel settore sbagliato ha inneggiato al disastro di Monaco e riacceso una miccia che non aspettava che la scintilla.
Tifosi dei Red Devils che si sono pizzicati con quelli dell’Everton anche in un’area di servizio sulla via di Wembley per la semifinale di FA Cup. Con un incrocio tra tifoserie che nonostante presentasse le più disparate figure – si vedono bambini e famiglie, non certo solo qualche ubriaco – non ha evitato di vedere scene come queste.
Solo il preludio a un finale di stagione piuttosto acceso. Le immagini tornano immediatamente a maggio quando nella serata di addio a Upton Park i tifosi del West Ham hanno “celebrato” l’evento assaltando il pullman del Manchester United e tenendo per qualche ora in apprensione le autorità locali (contribuendo di fatto a ritardare il fischio d’inizio della partita di un’ora)
E poi gli ultimissimi episodi. Dalle teste calde del Millwall, capaci dentro e fuori Wembley di creare disagi nella finale di League One poi persa 3-1 col Barnsley…
…agli episodi di Basilea, dove ancora i tifosi del Liverpool sono venuti a contatto con quelli del Siviglia poco prima del fischio d’inizio della finale di Europa League.
Una serie di episodi relativamente ravvicinati che con le immagini di ieri notte a Marsiglia ci raccontano come un certo tipo di atteggiamento, seppur numericamente limitato e senza portare ai danni del passato, non sia stato totalmente cancellato. Ma che anzi, paradossalmente, sembra stia tornando più che mai in auge.
Euro 2016
Boom di nascite in Islanda...nove mesi dopo lo storico 2-1 all'Inghilterra
28/03/2017 A 10:22
Euro 2016
Ricompense UEFA dopo gli Europei: Juventus prima, Roma nella top 10
02/02/2017 A 15:17