La Nazionale italiana di calcio di Roberto Mancini ha centrato mercoledì sera l’obiettivo minimo, ovvero qualificarsi per gli ottavi di finale degli Europei 2021. Il successo per 3-0 contro la Svizzera, il secondo in questa fase a gironi all’Olimpico di Roma, ha dato la matematica certezza alla selezione del Belpaese di proseguire nella sua avventura. Il prossimo incontro con il Galles (20 giugno) sarà chiarificatore sul piazzamento degli azzurri nel raggruppamento. Un’Italia che, per ora, ha colpito tutti per il suo gioco e le qualità messe in mostra: sei reti realizzate in due match e nessuno subito hanno prolungato la striscia di risultati utili a 29 e portato a 10 le vittorie consecutive senza subire gol. Una voce fuori dal coro è quella dell’ex centrocampista di Milan, Juventus e Inter Patrick Vieira, attualmente opinionista di ITV.

Mancini: "Francia, Portogallo e Belgio sono più avanti"

A detta di Vieira i riscontri ottenuti dalla Nazionale sono essenzialmente legati alla pochezza dei rivali fin qui affrontati (Svizzera e Turchia). “Credo che le prime due partite che hanno giocato siano state semplici“, le parole dell’ex giocatore, poco convinto che il roster azzurro sia adeguato per vincere questa competizione: “Penso che manchi loro intensità, forza, velocità per essere ancora più pericolosi in avanti, quindi aspetterò le prossime partite. Ritengo sia ancora troppo presto per prendere in considerazione l’Italia e dire che può arrivare fino alla fine“. A questo punto, non resta che attendere l’esito dei prossimi match per aver più chiara la situazione.
Euro 2020
Italia-Svizzera, 5 verità: azzurri belli, uniti e irresistibili
17/06/2021 A 07:29

Locatelli: "Primo gol bellissimo, siamo un gruppo fantastico"

Euro 2020
Italia agli ottavi: Austria o Ucraina la nostra avversaria
16/06/2021 A 20:52
Euro 2020
Italia, altra notte magica: 3-0 alla Svizzera e ottavi di finale
16/06/2021 A 09:18