Le pagelle della REPUBBLICA CECA

Tomas VACLIK 6,5 – Sul gol incolpevole, si esalta poi con un paio di buoni interventi, specie su Kane.
Vladimir COUFAL 5,5 – Fatica nell’uno contro uno con Shaw e si vede sfuggire via qualche volta di troppo Grealish.
Euro 2020
Sterling e poi sbadigli: 1-0 alla Rep.Ceca, Inghilterra prima
22/06/2021 A 18:29
Ondrej CELUSTKA 6 – Buona prova lì in mezzo. Tiene bene Kane e sui palloni alti è spesso vincitore dei duelli.
Tomas KALAS 6 – Una partita onesta, di lotta e contenimento. Fa sentire i muscoli quando deve.
Jan BORIL 5,5 – Soffre tantissimo Saka, è in ritardo sul primo gol e si prende anche un giallo inutile che gli costerà gli ottavi.
Tomas SOUCEK 6,5 – Conferma la grande stagione giocata quest’anno in Premier con una partita dove l’aria di “casa” evidentemente gli fa bene. Sfiora anche il gol in quella che è l’occasione migliore della Rep.Ceca.
Tomas HOLES 6 – Bello schermo davanti alla difesa, dà una mano al reparto piazzandosi lì a tamponare tutto.
Lukas MASOPUST 6 – In impostazione probabilmente fa troppa fatica, ma anche lui macina chilometri per la causa. Dal 65’ Adam HLOZEK 6 – Ingresso di discreta personalità se consideriamo anche la carta d’identità: classe 2002.
Vladimir DARIDA 6 – Esperienza e buon palleggio in mezzo al campo. Niente di eccezionale, ma una discreta ora di gioco. Dal 65’ Alex KRAL 5,5 – Così così il suo impatto in un finale di gara dove non brilla.
Jakub JANKTO 5 – Il blucerchiato si vede poco e soffre un po’ nei compiti difensivi. Fuori all’intervallo. Dal 46’ Petr SEVCIK 5,5 – Non cambiano un granché le cose con il suo ingresso in campo.
Patrik SCHICK 5 – Stasera ne vede davvero poche, cancellando così la grande impressione delle prime due uscite. Dal 76’ Tomas PEKHART 6 – Ingresso senza infamia e senza lodi.
All. Jaroslav SILHAVY 6 – La sua squadra tutto sommato non se la gioca nemmeno male. Certi della qualificazione, i cechi danno la sensazione di accontentarsi del minimo indispensabile per non cadere in una goleada o in una brutta prestazione. Primi, secondi o terzi, visto anche gli incroci di chi finiva davanti (la seconda del girone della morte Francia, Germania, Portogallo), in fondo non cambia un granché.

Le pagelle dell’INGHILTERRA

Jordan PICKFORD 6,5 – Un bell’intervento, a freddo, su Holes nel primo tempo.
Kyle WALKER 6 – Con Saka davanti non deve neanche troppo spingere in fase offensiva.
John STONES 6 – Prova onesta al centro della difesa, ma Schick stasera è poca cosa. Dal 79’ MINGS – sv.
Harry MAGUIRE 6 – Vedi sopra.
Luke SHAW 6 – Ala aggiunta per Southgate, si dimostra molto efficace in fase di spinta. Partita generosa.
Kalvin PHILLIPS 6 – Punto fisso di questa ‘nuova Inghilterra’, si conferma molto bravo sul breve, un po’ meno nel gico lungo.
Declan RICE 6 – Non una partita clamorosa la sua, come quella del resto di buona parte dei compagni. Dal 46’ Jordan HENDERSON 6,5 – Si presenta col piglio del leader nonostante i 4 mesi di stop. Centra anche un gol – annullato per offside – nel finale. Buon impatto.
Bukayo SAKA 7 – Buttato in campo un po’ a sorpresa, si rivela uno dei migliori. Generosissimo sui due fronti, esce tra gli appalusi convinti di Wembley. Dall’84’ SANCHO – sv.
Jack GREALISH 6,5 – Uno dei più brillanti nell’avvio convincente degli inglesi. Il suo assist per Sterling è delizioso. Cala alla distanza, come tutti gli inglesi del resto. Dal 68’ Jude BELLINGHAM 6 – Un finale di partita con poco da dire. Era molto atteso, ma i compagni al suo ingresso avevano smesso di giocare da un bel tot.
Raheem STERLING 6,5 – Il palo in avvio, il gol sottoporta. I due squilli principali sono i suoi, ma dal 12’ in poi non è che si possa dire abbia fatto molto altro. Dal 67’ Marcus RASHFORD 6 – Vedi la voce ‘Bellingham’.
Harry KANE 5,5 – Si presentava a questa partita non solo senza gol, ma senza tiri nello specchio della porta. Stasera duetta un po’ di più e impegna Vaclik. Certo, rispetto alla Premier o alla fase di qualificazione, sembra un altro Kane...
All. Gareth SOUTHGATE 6 – Compitino. La sua Inghilterra non convince del tutto e non emoziona. Nella ripresa il diktat sembra palese: accontentarsi e abbassare i ritmi. Una squadra insomma da “minimo indispensabile”, ma che passa il girone da prima. Basterà? Con Francia, Germania o Portogallo, chiunque sia, servirà senza dubbio qualcosa in più.

Inghilterra a Euro 2020: la storia, le avversarie, le statistiche, la stella

Qualificazioni Mondiali Europa
Vergogna a Budapest: verso della scimmia contro Sterling e Bellingham
03/09/2021 A 09:27
Qualificazioni Mondiali Europa
La Spagna cade in Svezia, L'Inghilterra dilaga in Ungheria
02/09/2021 A 21:45