Siviglia

Yassine BOUNOU 6,5 – Intuisce il rigore ma non ci arriva. Perforato senza colpe da Godin. Nel secondo tempo è decisivo con un grande intervento in uscita su Lukaku lanciato a rete.

Europa League
La moviola di Siviglia-Inter 3-2: mano di Diego Carlos, c'era un altro rigore per i nerazzurri?
21/08/2020 A 21:05

Jesus NAVAS 7 – Confeziona l'assist per De Jong, ed è quasi commovente quando si fa 60 metri di rincorsa in difesa. Dà il suo contributo nelle due fasi fino alla fine. Sì, a 35 anni è ancora un signor giocatore

Jules KOUNDÈ 7 – Ringhia sulle caviglie di Lautaro, seguendo il Toro anche quando si allontana dall’area avversaria. Gran partita in marcatura. E nel finale va anche vicino al gol di testa.

Diego CARLOS 6,5 – Bruciato senza pietà da Lukaku dopo pochi minuti, è costretto a stenderlo e a concedere il rigore, il terzo di fila in Europa League. Rischia di causarne un altro, ma l’arbitro lo grazia. Non pago, si perde Godin sul 2-2. Poi, però, la rovesciata che vale il trionfo del Siviglia. E alla fine dei conti è ciò che conta di più.

Sergio REGUILON 6,5 – Si accende a tratti, ma quando lo fa dimostra di poter far male alla retroguardia nerazzurra. Nel finale, quando c'è da soffrire, si applica con generosità in copertura.

Ever BANEGA 7,5 – Signore del centrocampo. Geometrie di qualità, ricama e randella. Assist al bacio per De Jong sul 2-1. Era l’ultima recita con questa maglia, l’ha onorata alla grande.

FERNANDO 6 – Tanta legna, bene in fase di interdizione. Giocatore che gradisce la battaglia e si è visto.

Joan JORDAN 6,5 – Quantità e qualità, si muove moltissimo nel cuore del campo per non dare punti di riferimento (dall’85’ Nemanja GUDELJ SV)

SUSO 5,5 – Parte discretamente, partecipando attivamente alla trama di gioco del Siviglia. Ma a conti fatti non ha mai il guizzo per essere pericoloso e si spegne col passare dei minuti (dal 77’ Franco VAZQUEZ SV)

Luuk DE JONG 7 – Non doveva partire dall’inizio, ma premia alla grande la scelta di Lopetegui. Due gol di testa, il primo da bomber vero.(dall’85’ Youssef EN NESYRI SV)

Lucas OCAMPOS 6 – Pimpante sulla sinistra, sgomma sulla fascia e si costruisce spazio per andare al tiro. Poi cala nella ripresa, ma non era al meglio (dal 70’ Munir EL HADDADI 6 - Qualche accelerazione, ma dopo il 3-2 aiuta la squadra dietro).

All. Julen LOPETEGUI 7 – La scelta di mandare De Jong in campo si rivela vincente. Il suo Siviglia sembra costruito per giocare partite del genere.

Inter

Samir HANDANOVIC 5,5 – Poco reattivo sul primo gol, qualche dubbio sul secondo. Non impeccabile.

Diego GODIN 6,5 – Perde De Jong in marcatura e l’olandese non perdona, ma si riscatta con una delle specialità della casa, il colpo di testa. Giocatore con gli attributi e non è certo una novità. (dal 90’ Antonio CANDREVA SV)

Stefan DE VRIJ 5,5 – Fa a sportellate con De Jong, qualche dubbio sul posizionamento in occasione del primo gol subito. Serata con meno qualità di quella a cui ci ha abituato.

Alessandro BASTONI 6,5 – 21 anni e non sentirli. Non avverte il peso della partita e gioca una gara di grinta, concentrato e senza fronzoli. Bravo.

Danilo D’AMBROSIO 5,5 – Si fa notare con un paio di inserimenti potenzialmente pericolosi, ma soffre Ocampos ed è piuttosto falloso. Serata difficile (dal 78’ Victor MOSES SV)

Nicolò BARELLA 6 – Generoso come sempre, anche se il giropalla del Siviglia lo innervosisce e lui si prende un giallo evitabile. Non molla mai, ma fa anche un po' troppa confusione.

Marcelo BROZOVIC 5,5 – L'assist per il testone di Godin, vero, ma gioca un po' a folate. Stanco, come tanti, arriva sul più bello con la lingua di fuori.

Roberto GAGLIARDINI 4,5 – Perde De Jong sul 2-1 in maniera elementare. In generale non sembra mai sicuro con la palla tra i piedi, sbaglia molti palloni banali e non azzecca mai la giocata. Male male. (dal 77’ Christian ERIKSEN SV)

Ashley YOUNG 5,5 – Fa crossare Navas sul gol del pareggio. Il Siviglia punge in palleggio dalla sua parte, impedendogli di sgroppare sulla fascia.

Romelu LUKAKU 5,5 – Serata incredibile la sua. Si procura il rigore con strapotere fisico ed è impeccabile dal dischetto per eguagliare Ronaldo il Fenomeno. Poi entra” anche nel 2-2 guadagnandosi con mestiere la punizione. Nel secondo tempo, però, cambia tutto. Prima manca il gol del sorpasso a tu per tu con Bounou, poi devia nella sua porta il pallone che vale la Coppa.

Lautaro MARTINEZ 5 – Di palloni giocabili non ne ha molti, ma non si accende mai, non cambia passo, non calcia. Delusione. (dal 77’ Alexis SANCHEZ SV)

All. Antonio CONTE 5,5 – I suoi entrano in campo a mille, lui è spiritato. Ma viene tradito da alcuni uomini e nel finale l'Inter non ha più il cambio di ritmo necessario ad acciuffare il pareggio.

Conte, Lukaku, Lautaro e il gruppo: la svolta dell'Inter in Europa League in 5 punti

Europa League
Lukaku eguaglia Ronaldo il Fenomeno: 34 gol al primo anno con l'Inter nella serata più amara
21/08/2020 A 21:05
Europa League
Inter, finale maledetta! Il Siviglia trionfa 3-2 in rimonta e vince la sesta Europa League
21/08/2020 A 20:54