Nove indisponibili e una formazione da mettere in campo che è praticamente figlia di una situazione d’emergenza totale. Rino Gattuso è atterrato insieme a una squadra imbottita da sei Primavera a Granada dove domani sera il suo Napoli va a caccia di un risultato positivo per mettere in discesa la qualificazione agli ottavi di finale di Europa League. Senza Ospina, Manolas, Koulibaly, Hysaj, Ghoulam, Demme, Lozano, Mertens e Petagna il tecnico calabrese ha a disposizione solamente 14 elementi della prima squadra. Non il modo migliore di approcciare la 14esima partita in 47 giorni ma Gattuso rifiuta di piangersi addosso e chiede uno sforzo extra a chi c’è per dare continuità al successo importante e sofferto di sabato contro la Juventus.
Siamo in emergenza, lo sappiamo. Non siamo venuti qui in vacanza, vogliamo fare una grande prestazione e ci vuole un grande Napoli. Loro sono una squadra atipica, con grande velocità. Bisogna mettere in campo una squadra competitiva anche se siamo in pochi. Questa emergenza dura da tantissimo tempo. Così non si può lavorare, non puoi fare nulla se giochi ogni tre giorni, devi solo fare scarico. Stiamo chiamando qualche Primavera in più, c'è un dato importante ed è quello che riguarda gli infortuni. Siamo tra le squadre che ne hanno avuti di meno nell'anno solare. Ora è un momento così, speriamo di recuperare qualcuno prima possibile. Speriamo che Meret e Fabiàn, che hanno giocato di meno ultimamente, possano mettersi in mostra”.

Classifiche e risultati

Europa League
Granada-Napoli: probabili formazioni e statistiche
15/02/2021 A 13:53
Champions League, classifiche e risultati gironi | Europa League, classifiche e risultati gironi

"Lozano assenza che pesa, Granada squadra rognosa"

Quanto pesa l’assenza di Lozano? E’ un giocatore importante per noi, come tutti quelli che mancano. Lo scorso anno è stato al di sotto delle sue possibilità, quest'anno sta facendo cose importanti. Ma non è solo lui, abbiamo tante assenze. Ci sono però Politano, Insigne ed altri che possono far bene. Speriamo di recuperare i nostri giocatori, siamo l'unica squadra con la Juve che in Italia non ha mai avuto una settimana tipo per allenarsi. Giocare ogni tre giorni, con le botte e senza poter recuperare è difficile. Inutile però piangersi addosso, affrontiamo gli impegni con grande serietà. Il Granada che squadra è? Affrontiamo una squadra rognosa, con caratteristiche precise. Dopo cinque minuti il livello di esperienza si va azzerare. Per loro è una grande opportunità, noi dobbiamo battagliare perchè hanno caratteristiche che ci possono mettere in difficoltà. Bisogna fare una grande prestazione a livello caratteriale, fisico e tecnico. Loro sono una squadra che non sembra spagnola, sanno cosa fare e si muovono con grande velocità”.

"De Laurentiis con la squadra? Fa piacere"

A noi in questa fase serve tutto. Alla squadra fa bene avere persone che vogliono il bene della squadra. Il presidente è quello che paga gli stipendi e fa funzionare la struttura. Anche se ci sono dei problemi, bisogna avere rispetto. A me fa piacere che lui sia con noi, penso faccia piacere anche alla squadra. In un momento di difficoltà è giusto restare uniti".

Gattuso: "Squadra con me, altrimenti me ne sarei già andato"

Serie A
Demme operato: "Intervento riuscito". Napoli sul mercato
IERI A 08:24
Calciomercato 2020-2021
Le 5 trattative che vi siete persi oggi (27/07)
27/07/2021 A 21:15