Pierre Kalulu si racconta a 360° ai microfoni di Eurosport Francia. Tanti i temi affrontati dal terzino classe 2000, primo acquisto ufficiale del Milan nella stagione in corso: dall'addio al Lione all'ambientamento a Milanello, dal ritorno degli ottavi di Europa League contro lo United al parere tecnico su alcuni suoi compagni di squadra.

Sul sì al Milan

"Ci sono molte cose che entrano in gioco, è stata la prima scelta da fare nella mia giovane carriera. Di solito, quando sali di livello, la tua idea è solo quella di fare un anno in più nel club. Ma tutto è stato fatto in modo abbastanza semplice. Il Milan mi ha cercato molto, è stata un'opportunità unica. Nessuno può prevedere cosa sarebbe successo se fossi rimasto a Lione, forse sarebbe andato tutto bene, forse no. Anche il Milan è stato un salto nell'ignoto, c’era apprensione, ma dietro c'era anche un vero interesse e un vero progetto. Ecco perché ho scelto il Milan".
Europa League
Villarreal-United 12-11 (d.c.r.), pagelle: Moreno eroico
26/05/2021 A 22:21

Su Maldini

"Se ha influito? Ovviamente, quando ti parla Paolo Maldini... Già da calciatore senti che c'è qualcuno di importante davanti a te. Non l'ho visto giocare perché ero giovane, ma crea qualcosa di diverso dentro".

Sul progetto Milan

"Quando sei giovane e vedi un club che vuole fidarsi dei giovani, questo conta molto. Leao, Saelemaekers, Bennacer ... Potrei dire praticamente tutti i nomi. Quasi tutti sono effettivamente giovani. È un piacere avere una possibilità e poter vincere. L'allenatore si fida di me. Posso mostrare di cosa sono capace".

Sull'addio al Lione

"Non ho risentimenti o rimpianti, siamo rimasti in buoni rapporti. È un piacere essere apprezzato dai tifosi. L’OL rappresenta la mia infanzia e adolescenza. Continuo a seguirli, ho ancora amici nella squadra. Gli auguro che vada tutto bene".

Sul debutto in rossonero contro lo Sparta Praga

"L'ho saputo un giorno o due prima. Stranamente, non c'era nessuna pressione particolare. Non mi sono detto: "Vado a vestire la maglia del Milan, ecc." I miei amici mi chiedono se ho spesso una pressione extra, io dico di no. È la stessa pressione di quando sei nell'U17 o in nazionale francese... Quando giochi una partita importante, hai sempre una pressione speciale. Ma per me è esattamente lo stesso. Una volta in partita, tutto passa".

Su Theo Hernandez

"Personalmente, mi impressiona. Visto dalla panchina, in una partita, è qualcosa che colpisce. Quando prende la palla, si gira e lo vedi allontanarsi, hai l'impressione di vedere un treno. È quello che ci diciamo negli spogliatoi. Non puoi stare davanti a lui. Va a 2000 l'ora. Ma non si tratta solo di correre per correre, ha una tecnica impressionante e una qualità nei passaggi. Quando raggiungi un tale livello, vuoi necessariamente unirti alla tua nazionale. Lui sta aspettando".

Su Ibrahimovic

"È un esempio da seguire. Quando vedi quello che fa a 39 anni… Non è solo bravo in campo, ma anche fuori. Ha fame, vuole sempre vincere. Di fronte a tutto questo ti dici "Non posso venire qui e avere meno voglia di lui”. Ti mostra la via da seguire".

Sugli obiettivi

"Sono giovane. Per migliorare, devi sempre lavorare. Questa è la mentalità da avere. Tutto può essere migliorato. A questi livelli è importante tenere i piedi per terra. Come ruolo a me vanno bene entrambi (terzino destro e centrale difensivo, ndr), poi dipende da come gioca la squadra e da come interpreti la tua posizione. Voglio impormi e avere un mio posto in squadra. Non ho avuto problemi ad adattarmi, anche perché ci sono alcuni giocatori che parlano francese. Anche i dirigenti mi danno consigli".

Sul finale di stagione

"Per noi ogni partita è come una finale. In campionato puntiamo a qualcosa di importante e questo significa vincere. Non importa chi sia l’avversario. Ogni partita vale 3 punti. Contro il Manchester sarà ovviamente una gara difficile".

Kalulu arriva a Milano, ecco il momento delle visite mediche del nuovo acquisto rossonero

Europa League
Villarreal, festa ai rigori con lo United! De Gea sbaglia l'ultimo penalty
26/05/2021 A 18:40
Europa League
Villarreal-Manchester United: probabili formazioni e statistiche
25/05/2021 A 08:56