Spalletti prova a prenderla con filosofia dopo il ko interno contro lo Spartak Mosca per 3-2. Ok che si poteva ribaltarla nel finale, ma c'è da ricordare - appunto - che il Napoli ha giocato in 10 dalla mezz'ora dopo il rosso a Mário Rui (la nostra moviola). A ben vedere, aggiunge però Spalletti, altri interventi dall'altra parte potevano vedere la stessa sorte. Un bel bagno di esperienza però per gli azzurri che non hanno saputo gestire con esperienza la situazione, come fanno altre squadre. Il tecnico del Napoli è però certo che ci si rialzerà velocemente.
CALENDARIO E RISULTATI | CLASSIFICHE | MARCATORI | NOTIZIE

Rosso giusto a Mário Rui, ma su Manolas...

Europa League
Napoli-Spartak Mosca, pagelle: Elmas, gol-lampo da record
30/09/2021 A 19:56
Abbiamo iniziato bene. Potevamo fare il 2-0, ma non siamo riusciti a concretizzare. Poi c'è stato l'episodio dell'espulsione, che è da espulsione, e da lì abbiamo fatto un pochino di fatica. A fine primo tempo ho cambiato un pochino di situazioni, poi c'è stato anche l'episodio di Manolas che era da espulsione come quello di Mário Rui. Noi abbiamo perso ordine e loro sono stati bravi a costruire il vantaggio con i loro esterni

Mario Rui si becca il rosso diretto in Napoli-Spartak Mosca - Europa League 2021/2022

Credit Foto Getty Images

Si aspettava un finale di gara diverso?

Nel secondo tempo quando ti abbassi diventa una scalata lunga arrivarci, abbiamo sofferto. Poi ci siamo messi 5-3-1 e si soffriva meno. Poi però, in una situazione di questa, abbiamo fatto partire i loro attaccanti e ci hanno fatto il 3-1. Poi quando hanno buttato fuori il loro uomo pensavo di poterla pareggiare. Invece abbiamo giocato in modo confusionario, abbiamo fatto confusione. Se fossimo stati più calmi probabilmente avremmo potuto pareggiare. Poi loro ci hanno fatto il 3-1. Qualche cosa si può migliorare però abbiamo giocato tutta la partita in 10. L’ultimo quarto d’ora mi aspettavo di far meglio. Di pareggiare e ribaltarla e invece non siamo stati bravi a mantenere l’ordine

Cosa è accaduto nel finale quando è corso in campo?

Io ho camminato, non ho corso. E non è successo niente, c'è stato un collaboratore del tecnico dello Spartak che ci faceva versi e ci prendeva in giro dalla panchina per cui sono andato a dirgli che così non si fa. Soprattutto quando si vince. Volevo solo salutarlo

Rissa a fine primo tempo durante Napoli-Spartak Mosca - Europa League 2021/2022

Credit Foto Getty Images

Cosa dirò nello spogliatoio?

Diventa facile parlare ora alla squadra perché già ho perso in vita mia. I ragazzi, quando si perde, entrano nello spogliatoio con la testa bassa. Se avessimo fatto il 2-0 nel primo tempo l’avremmo vinta. In 10 non abbiamo fatto bene. È una partita che si può perdere, andremo a vedere gli episodi decisivi. Se non ci fossero stati quei 4-5 falli in ripartenza avremmo potuto fargli male, tra l’altro anche qualche fallo al limite. Non siamo stati squadra esperta, loro sono stati bravi a sfruttare gli episodi

Ora chi gioca a sinistra?

Lì abbiamo Ghoulam che sta fuori ed è fortissimo. Bisogna vedere come torna nella partita reale, che possibilità avrà

Tutte le "decisioni al limite" di Cakir, l'arbitro meno amato dalle italiane

Europa League
Napoli-Spartak, moviola: giusta l'espulsione di Mario Rui
30/09/2021 A 18:01
Europa League
Follia Mario Rui, emozioni e rossi: Napoli-Spartak Mosca 2-3
30/09/2021 A 16:21