14 aprile 2022. Una data che resterà nella storia dei tifosi dell'Eintracht Francoforte che hanno visto la loro squadra accedere alle semifinali di Europa League dopo aver eliminato il Barcellona battendolo per 3-2. Ma sarà ricordata anche per quanto visto al Camp Nou in questo match di ritorno. Doveva essere la casa del Barça, ma piuttosto è stata la casa dell'Eintracht Francoforte. Già la città di Barcellona era stata investita da un esodo di tifosi tedeschi (ben 37.000 la stima fatta nelle ultime ore), ma che di questi 37.000 ne avremmo visti più di 30 mila allo stadio sembrava impossibile. Una vera e propria invasione? Tifosi che sono entrati dai tornelli scavalcando? Nulla di tutto ciò. I tifosi della squadra di Francoforte sono entrati con regolare biglietto alla mano e hanno occupato gli spazi del Camp Nou. Un errore clamoroso del servizio di biglietteria del Barcellona che ha venduto più di 30mila tagliandi ai tifosi ospiti. Un errore incredibile che poi si è riversato sul campo. Già durante la fase di riscaldamento si era notato che qualcosa non andava, con i giocatori del Barça fischiati a più riprese. Ma come è possibile? Col ritorno di Xavi, il Barcellona è secondo in classifica, si stava andando forte in Europa League, si è battuto il Real 4-0 e ci sono fischi? Poi con l'avvicinarsi del fischio di inizio si è capito. Macchie bianche su tutti gli spalti, c'erano quasi più tifosi dell'Eintracht... Ora Laporta, Xavi e i giocatori del Barcellona vogliono spiegazioni.
CALENDARIO E RISULTATI | CLASSIFICHE | MARCATORI | NOTIZIE

Le parole di Laporta

Europa League
Barcellona, che sorpresa! 3-2 Eintracht: catalani a casa
14/04/2022 A 21:07
Sono preoccupato per quello che è accaduto. È stato un peccato, non dovrà mai più accadere. Abbiamo raccolto tutto le informazioni di ciò che è successo, ma abbiamo bisogno di tempo per elaborarle. Agiremo. Perché è oltraggioso e vergognoso. Non possiamo permettere questo tipo di situazioni, dobbiamo essere più severi. Che fare ora? Stiamo valutando con il nostro dipartimento di sicurezza e della biglietteria. Sono situazioni indesiderabili. Quando avremo elaborato tutte le informazioni, le spiegheremo e adotteremo le necessarie contromisure. [Il presidente Laporta a fine partita]

Le parole di Xavi

L'ambiente non ci ha aiutato. Sembrava una finale, con i due settori dello stadio diviso per le tifoserie. Il club sta verificando ciò che è successo. È stato un nostro errore di calcolo, questo è chiaro. È deludente. Speravamo che i tifosi fossero lì con noi, ringraziamo comunque coloro che sono venuti. La partita sembrava una finale, metà dei biglietti per loro e metà per noi. Era una serata in cui avevamo bisogno dell'ambiente Barça e l'ho trovato deludente. [Xavi a fine partita]

La gioia dei giocatori dell'Eintracht dopo un gol al Camp Nou

Credit Foto Imago

Quello che è chiaro è che è un errore di calcolo, un errore di pianificazione. Giocando in casa, questo non può succedere a noi. Ringrazio i catalani che sono venuti. Peccato non essere riusciti a vincere. Anche lo spogliatoio vuole sapere cosa è successo, vogliamo una spiegazione

I fischi durante il riscaldamento

È chiaro che non ha aiutato. Ho cercato di dire ai giocatori che quello che conta è quello che succede in campo. Ma ci ha comunque colpito. Non è una scusa, non ci ha aiutato, ma dobbiamo dire che non abbiamo giocato bene. Ci siamo risvegliati dopo, ma era troppo tardi. Sono comunque orgoglioso per la nostra reazione

Barcellona-Real Madrid 2-3 (dts): gli highlights in 3'

Europa League
Gasperini: "Lahoz confuso. Futuro? Finché non do fastidio..."
14/04/2022 A 19:59
Europa League
Atalanta-Lipsia, moviola: Olmo col braccio, per Lahoz non è rigore
14/04/2022 A 18:07