Ci sarà il Nantes per la Juventus nel doppio incrocio dei prossimi 16 e 23 febbraio valido per il playoff di Europa League 2022/23. Andata giovedì 16 a Torino; ritorno giovedì 23 a Nantes. In palio c’è un posto agli ottavi di finale di una competizione in cui la Juventus non gioca dal 2013/14, quando anche in quel caso eliminata al girone di Champions arrivò fino alla semifinale: fatale, ancora una volta, fu il Benfica (poi sconfitto proprio nella finale di Torino dal Siviglia ai calci di rigore). La Juventus ci arriva da squadra sulla carta ampiamente superiore al Nantes sia per valori tecnici così come per rendimento stagionale. Ma andiamo a conoscere meglio i francesi tra rendimento in stagione, formazione tipo e tecnico.

Formazione tipo

Nantes (4-2-3-1): Lafont; Appiah, Castellotto, Pallois, Merlin; Andrei Girotto, Chirivella; Blas, Moussa Sissoko, Moses Simon; Mostafa Mohamed.
Serie A
Abodi: "Forse la Juve non è l'unica, ma solo la punta estrema"
IERI ALLE 14:47

Cammino nel girone

Il Nantes non sta passando una grandissima stagione, ma ha svoltato nel suo cammino europeo grazie a due vittorie nelle ultime due partite. Nel Gruppo G i canarini avevano infatti iniziato a settembre con una bella vittoria in casa contro l’Olympiacos, salvo poi incappare in 3 sconfitte consecutive, due nettissime col Friburgo (2-0 in casa dei tedeschi e 0-4 a Nantes!) e una col Qarabag. Il girone particolare però, equilibrato, ha consentito ai francesi una rimonta. Una rimonta partita da un gol al 95° nel penultimo match col Qarabag e culminata con la vittoria sull’Olympiacos per 2-0 in Grecia; nel mentre infatti il Qarabag non andava oltre l’1-1 in casa col Friburgo e diceva così addio al secondo posto. Insomma: è stato un percorso piuttosto tribolato quello dei ‘Canarini’: un gol insperato all’ultimo minuto; avversari che non fanno risultato e una rimonta a cui non ci credevano praticamente più. Europa che è poi frutto delle difficoltà che stanno avendo anche in campionato. Il Nantes è al momento 16° in Ligue 1; un quintultimo posto che è anche l’ultimo buono per non retrocedere. In piena zona retrocessione con sole 2 vittorie in 14 partite, la squadra di Antoine Kombouare non sta certo vivendo un grande momento. Anche lo scorso anno comunque i Canarini chiusero al nono posto: la qualificazione in Europa fu frutto della vittoria in Coppa di Francia dopo 21 anni di digiuno dall’ultimo trofeo.

Nantes si qualifica secondo in Europa League: sarà al playoff contro la Juventus

Credit Foto Eurosport

Precedenti

L’unico precedente tra Juventus e Nantes è un ricordo piuttosto dolce per i bianconeri: risale infatti alla semifinale di Champions League 1995/96. La Juventus vinse in casa 2-0; il Nantes vince il ritorno 3-2. Un doppio confronto che premiò la Juve con la finale dell’Olimpico poi vinta contro l’Ajax, ultima finale vinta prima delle sconfitte contro Borussia Dortmund (97), Real Madrid (98), Milan (03), Barcellona (15) e Real Madrid (17) che restano il grande tabù bianconero.
Più in generale i dati OPTA ci ricordano qualche altra curiosità statistica della Juventus contro le squadre francesi:
  • La Juventus è stata eliminata nell’ultimo incrocio ad eliminazione diretta in una competizione europea contro una squadra francese (Lione in Champions nel 2019/20), dopo che aveva passato il turno in tutti i precedenti 13 confronti ad eliminazione diretta contro formazioni transalpine (incluse due finali, Intertoto e Supercoppa Europea).
  • Questa è la quarta volta la Juventus incontra una formazione francese in una sfida ad eliminazione diretta di Coppa UEFA/Europa League: i bianconeri hanno sempre passato il turno (sedicesimi nel 1989/90 contro il PSG, semifinale 1992/93 contro il PSG, quarti 2013/14 contro il Lione).
  • Il Nantes è stato eliminato in tutti e cinque gli incroci ad eliminazione diretta in competizioni europee contro formazioni italiane, l’ultimo dei quali nella semifinale di Intertoto 2003 contro il Perugia.

Stella

Mostafa Mohamed. Numeri alla mano è il giocatore più pericoloso del Nantes. Mohamed è attaccante che è anche nazionale egiziano, in prestito dal Galatasaray, classe 1997. In stagione ha fin qui segnato 6 gol ed è il miglior marcatore dei Canarini. Due dei 6 gol complessivi sono arrivati proprio in Europa League, a cui ha aggiunto anche un assist.

Mostafa Mohamed esulta dopo un gol con la maglia del Nantes

Credit Foto Getty Images

Allenatore

Antoine Kombouare. Forse non lo ricordano in molti, ma Kombouare fu il primo allenatore del PSG a marca qatariota. Al momento dell’acquisizione del club c’era infatti lui sulla panchina dei parigini e viaggiava spedito al primo posto. La prima mossa fu l’esonero per lasciare spazio al ben più altisonante Carlo Ancelotti, che non vinse però il campionato, finito all’incredibile Montpellier. Da quel momento la carriera di Kombouare non fece grandi scatti. Dopo una parentesi in Arabia Saudita al Al-Hilal, il ritorno in Francia. L’highlight prima della scorsa stagione nella promozione dalla Ligue 2 con il Lens. Poi, appunto, la chiamata del Nantes, club con cui aveva iniziato da calciatore e che ha riportato a un titolo. L’ultimo successo dei Canarini era stata la Ligue 1 vinta nel lontana stagione 2000/01. Un successo, quello dello scorso Giugno in Coppa di Francia, arrivato contro il Nizza di Cristophe Galtier, tecnico poi passato al PSG. Fin qui la storia recedente del tecnico. A oggi, l’attualità, parla di una squadra in evidente difficoltà di risultati e il cui vero problema in campionato sembra più che altro la fase offensiva: con soli 15 gol messi a segno il Nantes è il terzo peggior attacco del campionato; a fronte di una difesa invece tutto sommato solida e con numeri tranquillamente comparabili a squadre di mezza classifica. La Juventus parte insomma ampiamente favorita. Poi, come sempre, starà al campo.
Serie A
Juve nei guai! Ronaldo vuole i 20 milioni della “carta segreta”
30/11/2022 ALLE 08:32
Serie A
John Elkann: "Dimissioni atto di responsabilità: Allegri punto di riferimento"
29/11/2022 ALLE 17:28