Al cuor non si comanda… ma fino a un certo punto. I tifosi bianconeri ancora ricorderanno la scelta di Carlos Tevez, partito da Torino al termine di un’esperienza ricca di amore e di successi per tornare a casa e riaccasarsi così con il club della propria vita: il Boca Juniors.

Tevez allo Shanghai Shenhua: sarà il giocatore più pagato del mondo

Serie A
Arthur e i suoi fratelli: tutti i 13 giocatori che hanno condiviso lo spogliatoio con Messi e CR7
29/06/2020 A 22:00

Dopo un anno e mezzo fatto di 56 partite e 25 gol – compresa una doppietta nel recente 4-2 del Superclasico contro gli storici rivali del River Plate – Carlos Tevez lascia incredibilmente il suo Boca per accasarsi in Cina: lo Shanghai Shenhua il suo nuovo club.

Doveva essere davvero impossibile d’altra parte dire di no a un’offerta del genere che, stando alle varie voci – confermate da più parti – tocca la cifra record di 84 milioni di dollari in due anni: 40 milioni di euro all’anno, praticamente 20 volte di più di quanto Tevez guadagnava in quel del Boca.

Boca Juniors' Carlos Tevez celebrates after he scored his team's third goal.

Credit Foto Reuters

Se le cifre si confermeranno come tali, Tevez diventa in automatico il giocatore di calcio più pagato al mondo, andando quasi a doppiare niente meno che Cristiano Ronaldo che con i suoi 23milioni di euro annui ricevuti dal Real Madrid si attesta a quasi la metà dello stipendio di Tevez.

Cifre da record quelle del buon Carlitos, che se spulciate al minuto prendendo dei connotatti davvero incredibili. Lo stipendio mensile di Tevez sarebbe di fatto di 3,33 milioni di euro… che diventano 776mila euro a settimana, 110mila euro al giorno, 4611 euro all’ora, 77,6 euro al minuto. Se considerate che il salario minimo in quel di Shanghai è oggi di circa 300 euro al mese, Tevez guadagnerà quella cifra in meno di 4 minuti.

Quella di Tevez è solo l’ultima bomba proveniente dal gonfiatissimo mercato cinese. Pochi giorni fa i rivali cittadini dello Shanghai Shenhua, ovvero lo Shanghai SIPG di Andre Villas-Boas, avevano strappato al Chelsea il trequartista Oscar per una cifra di 70 milioni di euro. Tutto evidentemente parte di quella strategia voluta in prima persona dal presidente cinese Xi Jinping di lanciare la Cina come futura potenza del calcio e che ha già portato quest’anno i club del dragone a investire in giocatori un totale di quasi 400 milioni. Funzionerà? Pagheranno? Esploderà la bolla oppure avranno successo? Al tempo il compito di fornirci una sentenza.

Champions League
Da Asensio a Cañizares, passando per Nesta: i 21 infortuni più assurdi nella storia del calcio
08/05/2020 A 15:59
Serie A
Galliani: "Raiola ha avuto due volte la possibilità di portare via Donnarumma dal Milan a zero"
22/04/2020 A 19:55