"Ho trascorso una vita peccaminosa e lussuriosa a causa di cattive amicizie. Mi piaceva peccare tra alcool, sigarette e altre cose". In un'intervista a cuore aperto all'emittente colombiana Canal 1, Jackson Martinez racconta come gli eccessi abbiano condizionato la sua carriera, conclusa con il ritiro a dicembre 2020 dopo l'esperienza in Portogallo con la maglia del Portimonense. Martinez, che visse il suo periodo d'oro ai tempi del Porto con cui segnò la bellezza di 92 gol in 136 partite in tre stagioni tra il 2012 e il 2015, racconta di avere cambiato vita e di avere abbracciato la fede.

La scoperta della fede e della musica

Oggi ha intrapreso la carriera da cantante di musica religiosa hip-hop: "Mi piaceva peccare perché in quel periodo non la vedevo in quel modo. Vedevo ciò che facevo come un comportamento normale, come tutti gli altri. Ero sempre a fare festa. Poi ho preso la decisione di concentrarmi sulla fede: non vedrai Dio come il tuo tutto finché non sarà l'unica cosa che hai".
Serie A
Sampdoria-Spezia 2-1, pagelle: Candreva e Silva anima blucerchiata
9 ORE FA

Ranieri, è già show: “Pizza per il clean sheet? Troppo poco”

Ligue 1
Fumogeni in campo: Saint-Etienne-Angers ritarda di un'ora
9 ORE FA
Calcio
Superlega: il Governo italiano si schiera con l'UEFA
11 ORE FA