Il presidente del Lione Jean-Michel Aulas non ci sta. La decisione del governo francese di sospendere definitivamente la Ligue 1 e la Ligue 1 proprio non gli va giù. Ed ecco che, a quasi un mese di distanza da quel drastico provvedimento, il numero uno dell'OL lancia un vero e proprio appello al primo ministro e al ministero dello Sport. In una lettera, in cui si fa espresso riferimento agli altri top campionati d'Europa, Aulas chiede espressamente alle autorità di fare dietrofront rispetto alle decisioni prese lo scorso 28 aprile.

La Bundesliga è ripresa il 16 maggio, in Spagna si potrà riprendere dall'8 giugno. In Italia, Russia e Portogallo sono consentiti gli allenamenti collettivi e in Inghilterra si lavora per ripartire dopo il 19 giugno. La Francia rischia di vedere il proprio calcio declassato e svalutato molto velocemente
Champions League
Aulas: "Con la Juve giocheremo con la testa mozzata, in Francia siamo stati davvero stupidi"
24/05/2020 A 15:26

Il 2 giugno la giornata cruciale

Aulas guarda con un filo di speranza al 2 giugno, data nella quale il governo francese dovrebbe allentare le restrizioni dovute all'emergenza Coronavirus.

C'è la speranza che la Francia possa gradualmente tornare a una sorta di normalità. Il 2 giugno potrebbe anche essere una grande opportunità per rimediare all'errore commesso con il calcio. Con un protocollo sanitario uguale per tutti, le squadre potrebbero tornare ad allenarsi e - perché no - proseguire la stagione 2019-20 a luglio e agosto

La tripletta di Mbappè affonda il Lione: gli highlights di Lione-PSG 1-5 in 90 secondi

Champions League
Aulas sicuro: "Juventus-Lione il 7 agosto a Torino a porte chiuse, potrebbero massacrarci"
09/05/2020 A 18:22
Ligue 1
Mbappé: "Io al Real Madrid? No, rimarrò al PSG anche la prossima stagione"
22/07/2020 A 13:49