Dopo una lunga battaglia si è spento Segundo Tevez, il padre adottivo di Carlos, attaccante visto in Italia con la maglia della Juventus e attuale centravanti del Boca Juniors. Nell’ultimo anno il papà dell’Apache aveva avuto vari problemi di salute: da un’intervento al chirurgico al collo alla diagnosi del diabete sino ad arrivare infine alla positività al Coronavirus, che è risultato purtroppo fatale per la sua vita.
Appena appresa la notizia Tevez ha abbandonato subito il ritiro del Boca Juniors per rientrare a Buenos Aires e stare vicino alla propria famiglia. Il bomber non ha quindi disputato il match contro il Newell’s della seconda giornata della Primera División, vinto poi dagli xeneizes per 1-0 grazie al gol del difensore Carlos Roberto Izquierdoz. Un successo che tutto il club ha voluto dedicare all'attaccante classe 1984. Carlitos, distrutto dalla notizia era molto legato a "Don Segundo" e i due avevano un rapporto forte e sincero.
Calcio
Boca Juniors campione, Tevez: "Resto per la Libertadores"
18/01/2021 A 11:18
Un giorno mi ha afferrato e mi ha parlato del mio vero padre. Mi ha detto che non era mio padre, mio ​​padre era stato ucciso prima che io nascessi. Quello è Segundo, quello che ha messo la famiglia sulle spalle e l'ha portata avanti. Mio padre si è preso cura di me senza avere niente a che fare con me . Ha visto un ragazzo che era indifeso, che non aveva una guida, e si è preso cura di qualcosa che non doveva.
Segundo ha inoltre sempre sostenuto Carlitos nella sua carriera sin dai primi passi: “Mi ha sempre spinto nel giocare a calcio. Ha sempre lavorato e non ha mai voluto, che io lo aiutassi finanziariamente. Mi diceva che costruire muri era la sua vita, che si era divertito".

Pirlo: "Bentancur? Capita di sbagliare ma la partita non finisce lì"

Copa Libertadores
Tevez trascina il suo Boca nel nome di Diego: gol e dedica
03/12/2020 A 08:13
Serie A
Arthur e i suoi fratelli: tutti i 13 giocatori che hanno condiviso lo spogliatoio con Messi e CR7
29/06/2020 A 22:05