La MLS ripartirà dall'ESPN Wide World of Sports Complex di Disneyworld, in Florida, tre settimane prima della NBA, ma quanto successo nei giorni immediatamente precedenti la ripresa in programma mercoledì 8 luglio getta un'ombra sull'efficacia della "bolla" in cui giocatori e staff tecnico saranno tenuti per tutta la durata del torneo, separati dal resto del mondo per evitare rischi di contagio da coronavirus.

L'FC Dallas, giunta a Orlando con tre casi di positività, ha visto schizzare il numero di contagiati a 11 (dieci calciatori e un membro dello staff), nonostante l'immediata quarantena dell'intera squadra e il divieto di allenarsi. La franchigia texana ha scelto di ritirarsi dal campionato e non concludere la stagione. Dai 557 calciatori complessivamente presenti a Orlando, 13 sono risultati positivi: oltre ai 10 di Dallas, anche due giocatori di Nashville e uno di Columbus.

MLS
I migliori 25 di sempre della MLS: non c'è Ibrahimovic!
11/12/2020 A 15:15

Monito per la NBA: la "bolla" di Orlando è davvero sicura?

Anche la NBA è in procinto di riprendere le operazioni a Disneyworld, costruendo un'altra "bolla" per le 22 squadre che si sfideranno nella fase finale del torneo. I giocatori risultati positivi al coronavirus sono in numero maggiore rispetto a quelli riscontrati dalla MLS, e il rischio di forfait come quello dell'FC Dallas potrebbe essere serio. La Florida sta soffrendo una violenta ondata di coronavirus dopo una situazione relativamente tranquilla tra inizio marzo e la prima decade di giugno: sono state registrate più di 10.000 infezioni in tre degli ultimi cinque giorni.

Coronavirus, calcio da cinema: i tifosi seguono Sparta Praga - Viktoria Pilsen al drive-in

MLS
In Orlando-New York FC i rigori più folli di sempre
24/11/2020 A 08:29
MLS
Henry scatenato! Montreal-Nashville vista dalla sua panchina
28/10/2020 A 11:00