La Budweiser insorge e mette nel mirino la FIFA. Dopo l'introduzione del divieto di vendere alcolici negli stadi che ospitano le partite dei Mondiali di Qatar 2022 e negli spazi adiacenti, il marchio statunitense di birre ha deciso di chiedere la restituzione di 50 milioni di euro come risarcimento danni. O meglio: vuole un forte sconto (di 50 milioni appunto) per il futuro contratto di sponsorizzazione sottoscritto con la Federcalcio mondiale in vista della prossima edizione dei Campionati del mondo che si disputeranno nel 2026 negli Stati Uniti, in Canada e in Messico. Qualora non fosse possibile giungere a un accordo, la Budweiser potrebbe intraprendere un'azione legale nei confronti dell'organizzazione presieduta da Gianni Infantino.
CALENDARIO | CLASSIFICHE | MARCATORI | ULTIME NOTIZIE
Gioca con noi: indovina chi vincerà i Mondiali di Qatar 2022 e invita i tuoi amici a fare lo stesso!Clicca qui!
Mondiali
Il calendario dei Mondiali in Qatar: giorni, date e orari di tutte le partite
16/11/2022 ALLE 15:37

La birra invenduta in regalo ai campioni del mondo

Ma non solo. La Budweiser ha anche deciso la destinazione della birra che sarà rimasta invenduta una volta conclusi i Mondiali in Qatar. L'idea è molto semplice: verrà regalata alla Nazionale che si laureerà campione del mondo nella finalissima in programma il prossimo 18 dicembre. Un regalo che - ne siamo certi - sarà particolarmente apprezzato e che sarà piuttosto costoso: il valore complessivo della birra che rimarrà sugli scaffali si dovrebbe aggirare intorno ai 75 milioni di euro.

Fascia One Love, Germania contro la FIFA: "Valutiamo azione legale"

Mondiali
Chi vince i Mondiali di Qatar 2022? Gioca e sfida i tuoi amici
15/11/2022 ALLE 14:58
Mondiali
Inchiesta Report: "Armi e PSG monete di scambio: come il Qatar ha vinto i Mondiali"
15/11/2022 ALLE 11:43