Dieci uomini dietro la linea del pallone e catenaccio estremo: la tattica di Ricky Sbragia per strappare un punticino d'oro all'Old Trafford non ha bisogno di molti fronzoli o preamboli. Per 90 minuti il quadrato dei Black Cats attorno all'area di rigore regge la forza d'impatto dei Red Devils, posti di fronte a un "must-win game" dopo i successi nel primo pomeriggio di Chelsea e Liverpool: il gol che decide la partita arriva nel primo minuto di recupero, e porta la firma di Nemanja Vidic, l'uomo che non ti aspetti, lestissimo nel trovare il fondo della rete sfruttando un palo scheggiato da Carrick su deviazione di Carlos Edwards.
Tre punti fondamentali quelli conquistati dalla zampata del serbo, che mantengono i Red Devils nella scia delle due fuggitive, con 31 punti in carniere e una partita ancora da recuperare: virtualmente, con un altro successo, lo United potrebbe portarsi a -3 dalla capolista Liverpool.
La gara senza pretese del Sunderland si riassume in un singolo quanto eloquente dato: un solo calcio d'angolo conquistato dai Black Cats, arrivato, peraltro, nell'ultimo minuto di gioco, appena dopo la rete realizzata da Vidic. Lo United parte con le marce alte innestate già dai primi minuti: al 12' Ronaldo innesca Berbatov, ma Fulop si oppone con i piedi alla conclusione del bulgaro. Tre minuti dopo l'estremo del Sunderland si esalta nuovamente su Berbatov, e al 25' è ancora decisivo su Park .
Premier League
Psg ko contro i Red Bulls, City bel tris
30/07/2011 A 15:46
Nella ripresa lo United aumenta gradualmente la pressione, fino ad arrivare a un assedio asfissiante nel finale. Fletcher e Ronaldo sparano a salve nei minuti iniziali, ma Carrick aggiusta la mira richiamando ancora in causa Fulop al 54' con una conclusione dalla distanza. Al 71' Rafael pesca con un preciso traversone dalla destra Giggs sul secondo palo, ma il gallese conclude di pochissimo a lato; quattro minuti dopo Berbatov incorna sopra la traversa un cross di Carrick e la porta dei Black Cats inizia a sembrare davvero stregata.
Al 79' Rooney innesca Tevez, ma l'argentino spreca un'altra opportunità sparando a lato; due minuti dopo è Fulop a tornare protagonista sull'incornata di Vidic, e all'83' Carrick incute paura sugli sviluppi di un calcio d'angolo. L'incantesimo si spezza al 91', con Vidic, e il Manchester può così tirare il fiato prima dell'abbordabile impegno casalingo di Champions contro i danesi dell'Aalborg e della complicatissima trasferta di Londra contro il Tottenham.
Premier League
Adebayor-Gunners, la difficile vita dell'ex
12/09/2009 A 10:41
Premier League
"C. Ronaldo meglio di Kakà e Messi"
21/07/2009 A 13:47