Ora è ufficiale, Frank Lampard non è più l'allenatore del Chelsea. Lo fa sapere il club londinese, per mezzo di un comunicato, confermando quindi le indiscrezione che erano già circolate nella mattinata di lunedì. L'ex leggenda dei Blues paga per gli ultimi deludenti risultati che hanno portato il Chelsea al nono posto in Premier League con 29 punti.

Premier League
Il Liverpool si rialza, 2-0 allo Sheffield
15 ORE FA

Inutile dunque la vittoria con il Luton Town (3-1) e il passaggio del turno in FA Cup: la folta campagna acquisti di quest'anno non ha sortito gli effetti voluti. Secondo i primi report, Thomas Tuchel avrebbe già accettato il lavoro: battuta la "concorrenza" di Julian Nagelsmann e Massimiliano Allegri.

Il comunicato

"È stata una decisione molto difficile: il proprietario del club e il board non l'hanno presa alla leggera. Siamo grati a Frank per ciò che ha ottenuto nel suo periodo come Head Coach del Club. Tuttavia i risultati e le prestazioni recenti non hanno soddisfatto le aspettative del club, lasciando il club a metà classifica senza un percorso chiaro per un miglioramento continuo. Non ci può mai essere un buon momento per separarsi da una leggenda del club come Frank, ma dopo lunghe discussioni e considerazioni è stato deciso un cambiamento ora per dare al club il tempo di migliorare le prestazioni e i risultati in questa stagione".

Roman Abramovich: "Rispetto per Lampard"

"Questa è stata una decisione molto difficile per il Club, anche perché ho un ottimo rapporto personale con Frank e ho il massimo rispetto per lui. È un uomo di grande integrità e ha la più alta etica del lavoro. Tuttavia, nelle circostanze attuali riteniamo che sia meglio cambiare manager. A nome di tutti al Club, del Consiglio e personalmente, vorrei ringraziare Frank per il suo lavoro come Head Coach e augurargli ogni successo in futuro. È un'icona importante di questo grande club e il suo status qui rimane immutato. Sarà sempre accolto calorosamente a Stamford Bridge. Il club non farà ulteriori commenti fino a quando non verrà nominato un nuovo allenatore capo".

Lineker: "Non imparano mai"

Non manca il commento del solito Gary Lineker: "Assolutamente ridicolo dopo il suo primo periodo negativo. Avrebbe sempre avuto bisogno di tempo visti i tanti nuovi acquisti effettuati. La pazienza è una virtù raramente riconosciuta in questo sport. Non imparano mai".

Lampard: "Chelsea da titolo? E' una corsa lunghissima"

Premier League
Chelsea e United non si fanno male: 0-0 a Londra
17 ORE FA
Premier League
Tottenham, poker al Burnley: Bale fa doppietta
18 ORE FA