Un altro episodio di razzismo nel mondo del calcio. Dopo la sconfitta del Manchester United contro lo Sheffield fanalino di coda della Premier, l'attaccante francese Anthony Martial e Axel Tuanzebe, giovane difensore di origine congolese (alla prima assoluta con la maglia dei Red Devil) sono stati pesantemente attaccati sui social, come riportano diversi media britannici. Il più giovane dei due sarebbe stato costretto a rimuovere il suo account Twitter a causa delle numerose frasi ricevute alle sue foto anche più datate. Immediata la risposta da parte del club e dei compagni, su tutti il capitano Harry Maguire, autore del gol del temporaneo pareggio ad Old Trafford.

Il comunicato dello United

Premier League
Dopo 32 anni tornano i posti in piedi in Premier League
16 ORE FA
"Siamo disgustati dagli insulti razzisti ricevuti dai nostri giocatori sui social media dopo la partita di ieri sera. Condanniamo fermamente questi comportamenti ed è incoraggiante vedere che anche altri utenti lo fanno. Il Manchester United ha tolleranza zero nei confronti di qualsiasi forma di razzismo o discriminazione e porta avanti da tempo la campagna All Red All Equal. Identificare questi idioti anonimi senza cervello è difficile. Invitiamo le piattaforme di social media e le autorità a rafforzare le misure per prevenire questo tipo di comportamento".

Demba Ba: il calciatore che si è ribellato al razzismo

Premier League
Superlega, la Premier fa le multe: 23 milioni alle sei "ribelli"
09/06/2021 A 14:52
Premier League
Cuore Aguero, saluta il City con orologi e una macchina allo staff
01/06/2021 A 14:27