Prima il campo e poi il contratto. In casa Italia sono tutti concentrati sulla fine del primo mini-ciclo di qualificazioni al prossimo Mondiale, che si chiuderà mercoledì contro la Lituania dopo le vittorie con Irlanda del Nord e Bulgaria. Al termine dell'incontro, però, scatterà la missione riconferma per Roberto Mancini. Il tecnico azzurro, in scadenza l'anno prossimo, è un punto fermo per Gravina che gli proporrà un rinnovo fino al 2026 con aumento di stipendio.
Come spiega Repubblica, l'ingaggio passerebbe dagli attuali due milioni di euro netti all'anno a tre milioni netti, con bonus da decidere. Tornando ad allenare in un club il Mancio guadagnerebbe sicuramente di più, ma la Federazione può far leva sul progetto cucito attorno al ct. Oltre allo staff sul campo (Lombardo, Evani, Salsano, Nuciari e Battara), l'organico è stato integrato da figure vicine a Mancini come Vialli (capodelegazione) e De Rossi (assistente). Senza contare la riconferma chiesta a gran voce - e ottenuta - di Oriali come team manager nonostante l'incarico all'Inter.
Qualificazioni Mondiali Europa
Lituania-Italia: probabili formazioni e statistiche
29/03/2021 A 09:53

Mancini: "Servono rose più ampie agli Europei"

Euro 2020
Mancini: "Europei come i Mondiali 2006: Italia nei libri di storia"
19/07/2021 A 15:31
Euro 2020
Mancini, il Rinascimento e una vittoria generazionale
12/07/2021 A 14:20