Una carriera lunga, lunghissima, ricca di sfide ed esperienze in giro per l'Europa, quella di Borja Valero, il "Sindaco" per i tifosi viola. Oggi, dopo che la società gli ha annunciato che il suo contratto non verrà rinnovato, il centrocampista spagnolo ha dato il suo definitivo addio al calcio con un lungo e commovente post su Instagram in cui loda la sua gente, i tifosi viola che lo hanno sempre sostenuto.

Borja Valero grabbed his first goal in Inter Milan colours

Credit Foto PA Sport

La trafila con le giovanili del Real Madrid, la parentesi al West Bromwich, la consacrazione al Villareal e lo sbarco a Firenze, nel 2012, con la Viola di Montella che fece innamorare un'intera città. Quattro anni sotto la Fiesole per poi sbarcare per tre anni a San Siro, con la maglia dell'Inter, prima del romantico ritorno a Firenze, per l'ultima stagione di una carriera di altissimo livello. 233 presenze con la Viola, per un campione di umiltà come Borja Valero, che avrebbe voluto chiudere proprio sotto la sua curva.
Serie A
Ufficiale: Italiano è il nuovo allenatore della Fiorentina
30/06/2021 A 16:08
“È arrivato quel momento che sembra sempre lontano, - apre - quello di smettere di giocare a pallone. Mi sarebbe piaciuto farlo sotto la Fiesole piena di gente ma purtroppo, nel calcio come nella vita non dipende tutto da noi. Ringrazio tutte le squadre dove ho avuto l’onore di giocare. Grazie anche ai tanti allenatori e compagni, senza di voi noi ce l’avrei fatta. A mia moglie Rocio e ai miei figli Álvaro e Lucía, vi amo alla follia. E a voi Fiorentini, siete stati la mia vittoria più grande, grazie mille di cuore. Ci vediamo in città!”.
Un campione ed un signore, anche nel suo addio al mondo che lo ha reso grande. Semplicemente, Borja Valero Iglesias.

Xhaka si promette alla Roma. Ribéry: addio Fiorentina

Serie A
Fiorentina, il ds Pradè: "Un onore avere Chiesa ma bisogna essere in due a volerlo"
07/06/2020 A 15:20