Non è una notte come tutte le altre. Perché Genoa-Milan ha un significato speciale per i rossoneri. Quello dell’occasione da non perdere. Non tanto perché l’obiettivo degli uomini di Vincenzo Montella sia divenuto all’improvviso quello di vincere lo scudetto, quanto perché – dopo la splendida notte di sabato contro la Juventus – si profila ora una chance piuttosto ghiotta. Tornare in vetta alla classifica, anche se per una sola notte.

Un’assenza lunga quattro anni e mezzo

Una vita fa, inutile girarci attorno. L’ultima volta che il Milan si è trovato in vetta alla classifica è stato il 7 aprile 2012, vigilia di Pasqua e 31esima giornata di Serie A (sarebbe tornato in vetta temporaneamente tre giorni dopo). Ebbene sì, il giorno in cui il sogno del secondo scudetto consecutivo per la squadra allora allenata da Massimiliano Allegri franò drammaticamente al cospetto della Fiorentina. Quel sabato pomeriggio, a San Siro finì 2-1 per la Viola trascinata alla rimonta da Stevan Jovetic e dal gol decisivo di Amauri. Qualche ora dopo, la Juventus sarebbe scesa in campo al Barbera contro il Palermo e vincendo 2-0 con le reti di Bonucci e Quagliarella avrebbe operato il sorpasso decisivo. Il solco definitivo da cui sarebbe nato il quinquennio d’oro dei bianconeri. Da allora, sono passate 130 giornate di campionato senza Milan in vetta (se si fa eccesione per la prima giornata di campionato). Che sia giunta l’ora di interrompere il digiuno?
Serie A
Allegri: "Morata? Ci si impunta con certi giocatori, non è giusto!"
IERI A 17:13

Milan Fiorentina Amauri Jovetic

Credit Foto AFP

LEGGI: Locatelli: "Ho fatto gol a Buffon, il portiere più forte del mondo. E' un sogno"

La prima candelina di Donnarumma

Esaltato pubblicamente dopo l’ennesimo exploit al cospetto di Gigi Buffon, per Gianluigi Donnarumma quella di Marassi non sarà una partita come tutte le altre. Perché, esattamente un anno fa, il portiere rossonero debuttava dal primo minuto in Serie A contro il Sassuolo (2-1 per il Milan). A 16 anni e 8 mesi. Un anno fa, sembrava un azzardo voluto da Sinisa Mihajlovic per spronare la squadra dopo un avvio di stagione al di sotto delle attese. Ora, 39 partite dopo, Donnarumma sembra già un veterano. Anche per questo, quella di stasera a Marassi, non sarà una partita come tutte le altre. Anzi...
LEGGI: Galliani: "Donnarumma resterà a lungo, Locatelli come Rivera"
VIDEO: Montella "Locatelli è un predestinato"
Serie A
Juve, aria da fine impero: la metamorfosi e gli errori di Agnelli
IERI A 14:05
Serie A
Buffon: "Juve in parabola discendente; l'Italia non può stare senza Mondiali"
IERI A 01:30