Tra i tanti profili su Hakimi inevitabilmente comparsi in questi giorni dopo il colpo a sorpresa messo a segno dall'Inter di Beppe Marotta, abbiamo provato a chiedere a chi in Germania l'ha seguito in questi anni giornata per giornata: il collega della redazione di Eurosport.de, Tobias Hlusiak. Cinque domande per inquadrare meglio la sua figura.

  • 1. Come ha fatto l'Inter a battere la concorrenza di altre grandi squadre come Manchester City e Bayern Monaco? Perché il Real Madrid non crede in lui?
Serie A
Hakimi è un giocatore dell'Inter, arrivata la firma sul contratto fino al 2025
30/06/2020 A 16:25

A dire la verità non ho mai sentito di un suo interesse da parte del City. E anche il Bayern Monaco non ci ha mai provato, semplicemente perché crede che il giocatore abbia delle lacune a livello difensivo. La vera concorrenza per l’Inter è stata il Borussia Dortmund (che ha provato ad allungargli il contratto) e il Real Madrid. Il Real però ha semplicemente scelto di affidarsi ancora a Carvajal e di fronte all’offerta economica dell’Inter, il Borussia non ha potuto nulla.

  • 2. Considerata l'età del giocatore (21), l'acquisto per 40 milioni di euro può essere considerato un affare?

Penso che sia un buon prezzo per un giocatore di questo calibro. E’ giovane ed è forte, ma soprattutto ha già un’ottima esperienza a livello europeo avendo giocato in club abituati alla Champions League come Real Madrid e BVB. E’ un buon colpo.

Achraf Hakimi, il saluto e i primi cori dei tifosi dell'Inter

  • 3. Quali sono le qualità migliori di Hakimi? Segna e fa assist? Dove, invece, può migliorare?

La sua qualità principale è... essere velocissimo! E’ questo fa di lui davvero un’arma importante nel calcio moderno. In questa stagione appena conclusa di Bundesliga è stato il secondo giocatore più veloce del campionato dietro solo ad Alphonso Davies; e insieme a questo vanno aggiunti 9 gol e 10 assist. Numeri fantastici ma che avrebbero potuto essere persino migliori, almeno dal punto di vista dei gol segnali. E questo forse è il punto chiave: cercare di essere più freddo davanti alla porta. Oltre a questo, migliorare un po’ dl punto di vista difensivo.

  • 4. Nel 3-5-2 di Antonio Conte è il profilo ideale?

La sua posizione migliore è sulla fascia e con campo davanti per correre. Ma al momento non mi fiderei a lasciarlo completamente scoperto. Di certo la sua posizione è l’esterno a destra del 3-5-2, ma ha sicuramente ancora bisogno d’aiuto nella copertura sulla fase difensiva.

Hakimi

Credit Foto SID

  • 5. L'Inter aspetta un esterno destro di primissimo livello dai tempi di Maicon. Può essere lui l'uomo giusto?

Penso che sia senza ombra di dubbio un giocatore di spessore rispetto a tutti gli esterni offensivi che ha avuto l’Inter durante questi anni. Avrà bisogno di tempo per adattarsi un po’, ma può davvero diventare un giocatore di altissimo livello. Inoltre, a livello personale a da tifoso del Borussia Dortmund, mi dispiace molto. Mi dispiace che il club non sia riuscito a pareggiare l’offerta economica. Penso che sia un giocatore decisamente superiore a Meunier, ma questa ovviamente resta solo la mia opinione.

Come cambia l'Inter con l'acquisto di Achraf Hakimi

Serie A
Inter, Hakimi è a Milano e saluta il Borussia Dortmund: "Non dimenticherò mai il muro giallo"
30/06/2020 A 11:22
Serie A
Pagellone 2^ giornata: il Napoli vola alto, Inter da 6
28/09/2020 A 14:32