Calcio
Serie A

Marotta rincara la dose: "Campionato falsato, la Lega non può decidere così"

Condividi con
Copia
Condividi questo articolo

Beppe Marotta - Inter - Serie A 2019/2020 - Getty Images

Credit Foto Getty Images

DaEurosport
01/03/2020 A 08:24 | Aggiornato 01/03/2020 A 15:27

L'ad dell'Inter torna sul tema in un'intervista alla Gazzetta dello Sport. "Se saltano altre partite il campionato potrebbe non concludersi. Pressioni dalla Juventus? Non mi interessa".

La tempesta non si placa. Beppe Marotta ha attaccato ancora la decisione della Lega Serie A di rinviare a maggio Juventus-Inter (e altre quattro partite) a causa dell'emergenza Coronavirus. L'ad dell'Inter ha parlato così alla Gazzetta dello Sport.

Questa vicenda è stata affrontata male, con troppa leggerezza. Andava gestita con tempistiche diverse, anche per evitare certe allusioni. La Lega aveva deciso per le porte chiuse giovedì, poi venerdì il ministro Spadafora aveva sconsigliato questa strada. A quel punto l’errore è stato del presidente di Lega, Dal Pino, che ha deciso senza interpellare nessuno.
Serie A

Dal Pino (pres. Lega) risponde a Marotta: "È lui che ha rifiutato di rinviare Juve-Inter a lunedì"

01/03/2020 A 10:05

Conte: "Testa a Juve-Inter? Non deve accadere, passare il turno in Europa League è importante"

00:02:59

Una decisione che secondo il dirigente nerazzurro va a minare la regolarità di questa Serie A.

Il campionato rischia di non concludersi? Sì, se dovessero saltare altre partite sì. E poi mi chiedo: perché è stata decisa la data di Juventus-Inter prima di quella di Inter-Sampdoria? In base a quale principio? Il torneo è falsato. È alterato nei suoi equilibri. Basti pensare solo agli infortuni e alle squalifiche. E poi ci sono gli aspetti psicologici di una squadra, dovuti alla classifica.

Una situazione caotica che potrebbe avere degli ulteriori strascichi e che secondo Marotta ha un'origine ben precisa.

Sono preoccupato per Inter-Sassuolo di domenica prossima. A porte chiuse non si può giocare, sarebbe assurdo usare uno strumento che solo una settimana prima non è stato considerato adatto per fronteggiare l’emergenza sanitaria. Le porte chiuse non esistono, stop, fine dei discorsi. Il peccato originale è il rinvio di Inter-Sampdoria di domenica scorsa: quella gara si sarebbe dovuta giocare a porte chiuse. E dico di più: per questa giornata andava usato lo stesso criterio per tutte le squadre, al massimo si sarebbe dovuta rinviare tutta la giornata. L'Inter è danneggiata, il calendario di maggio è incredibile
Serie A

Rinvii, divieti e decisioni 'alla giornata': la confusione totale del calcio italiano

29/02/2020 A 22:20
Serie A

Juventus, quando Agnelli e Paratici avevano già le idee chiare sul futuro di Andrea Pirlo

DA 7 ORE
Contenuti correlati
CalcioSerie AJuventusInter
Condividi con
Copia
Condividi questo articolo