Undici anni. È questo l'orizzonte temporale che è passato tra il Mourinho 1 e il Mourinho 2 in Serie A. Dall'estate del 2021 l'allenatore portoghese sarà il nuovo Responsabile Tecnico della Prima Squadra in casa Roma, tornando di fatto a sedersi sulle panchine del nostro campionato. L'ultima volta lo aveva fatto nel Maggio del 2010, quando riuscì a guidare l'Inter verso l'impresa più titanica di sempre nella storia del club: il Triplete. Oggi trova un campionato diametralmente opposto, che presenta un sacco di squadre diverse e tanti allenatori in rampa di lancio, ma qualche punto in comune è rimasto.
Il primo è indubbiamente Zlatan Ibrahimovic, che proprio mentre Mou lasciava l'Inter stava rientrando in Italia per vestire la maglia del Milan nella sua prima apparizione rossonera. Poi, ovviamente, c'è Gianluigi Buffon, che insieme a Giorgio Chiellini e Leonardo Bonucci rappresenta gli ultimi 10 anni della Juventus. Nel 2010 Bonucci era ancora al Bari, ma proprio nell'estate dell'addio di Mourinho raggiunse Torino per completare la BBC.
Calciomercato 2020-2021
Mou e la chiamata di Tiago Pinto: come è nata la trattativa
04/05/2021 A 16:53

Com'è cambiata la Serie A

Nel 2009-2010 il Palermo allenato da Zenga e Delio Rossi finì il campionato al quinto posto. Oggi naviga in Serie C. La Juventus di Ciro Ferrara e Alberto Zaccheroni arrivò settima. Il Bari dei miracoli di Gian Piero Ventura chiuse decimo e il Catania di Atzori e Mihajlovic tredicesimo. Anche loro, oggi sono in Serie C. Livorno e Siena, all'epoca retrocesse, nel 2021-22 probabilmente si ritroveranno in Serie D. Gli amaranto sono appena retrocessi dal girone A di Serie C mentre i bianconeri navigano al quarto posto nel girone E. Gasperini allenava il Genoa, Guidolin il Parma, Pioli il Sassuolo in Serie B, Handanovic vestiva la maglia dell'Udinese e Massimiliano Allegri aveva lasciato il Cagliari alla 34a giornata. Ballardini era l'allenatore della Lazio e il capocannoniere del campionato fu Totò Di Natale (che da qualche settimana siede sulla panchina della Carrarese in Serie C) con i suoi 29 gol.
  • Spezia, Benevento ed Hellas in Lega Pro, Atalanta retrocessa: dov'erano nel 2009-10 le 20 squadre ora in Serie A
Serie A 2020-21Nel 2009-10 eranoAttualmente
Atalanta 18° posto in A (retrocessa)2° posto in A
BeneventoLega Pro 1ª div.18° posto in A
Bologna17° posto in A12° posto in A
Cagliari16° posto in A17° posto in A
Crotone 8° posto in B20° posto in A (retrocesso)
Fiorentina11° posto in A14° posto in A
Genoa9° posto in A13° posto in A
Inter1° posto in A1° posto in A
Juventus 7° posto in A3° posto in A
Lazio 12° posto in A6° posto in A
Milan3° posto in A4° posto in A
Napoli6° posto in A5° posto in A
Parma8° posto in A19° posto in A (retrocesso)
Roma2° posto in A7° posto in A
Sampdoria4° posto in A9° posto in A
Sassuolo4° posto in B8° posto in A
Spezia Lega Pro 2ª div.16° posto in A
Torino5° posto in B15° posto in A
Udinese15° posto in A11° posto in A
VeronaLega Pro 1ª div.10° posto in A

Ma non solo

Lo Spezia veniva promosso in Lega Pro Prima Divisione dopo aver vinto la finale dei play-off e il Benevento terminava 5º nel girone A della Lega Pro Prima Divisione perdendo la semifinale dei play-off. Il Sassuolo era ancora in Serie B, Roberto De Zerbi, Andrea Pirlo, Vincenzo Italiano e Filippo Inzaghi facevano ancora i professionisti mentre Simone Inzaghi e Ivan Juric avevano da poco appeso le scarpette al chiodo.
  • Gli allenatori di Serie A: Gattuso, De Zerbi, Pirlo e i fratelli Inzaghi ancora in campo, Pioli al Sassuolo in Serie B
ALLENATORI A 2020-21Nel 2009-10 eranoSquadra Attuale
GASPERINIGenoaAtalanta
F.INZAGHIAttaccante MilanBenevento
MIHAJLOVICCataniaBologna
SEMPLICIArezzoCagliari
COSMILivornoCrotone
IACHINIBresciaFiorentina
BALLARDINIGenoaLazio
CONTEAtalanta (dimissioni)Inter
PIRLORegista MilanJuventus
S.INZAGHIAttaccante LazioLazio
PIOLISassuolo (Serie B)Milan
GATTUSOCentrocampista MilanNapoli
D'AVERSACentrocampista GallipoliParma
FONSECA PinhalnovenseRoma
RANIERIRomaSampdoria
DE ZERBICentrocampista NapoliSassuolo
ITALIANO Centrocampista PadovaSpezia
NICOLADifensore LumezzaneTorino
GOTTICagliari (viceallenatore)Udinese
JURICCentrocampista GenoaVerona

E la Roma di oggi

Nell'estate del 2010 Gianluca Mancini aveva da poco festeggiato i 14 anni. Kumbulla ne aveva 10, Zaniolo 11 e Ibañez 12. Calafiori aveva da poco raggiunto l'ottavo anno di età, mentre Borja Mayoral ne faceva 13. El Shaarawy stava per raggiungere la maggiore età, e nell'attesa di prendere la patente poteva farsi portare in giro da Juan Jesus, appena un anno più giovane di lui. Dzeko vestiva ancora la maglia del Wolfsburg, Pedro faceva parte del tridente del Barcellona (battuto in semifinale di Champions) e Chris Smalling chiudeva la sua esperienza con la maglia del Fulham. Insomma, è cambiato veramente tutto, ma un punto in comune, Mou, lo troverà anche nella capitale: Davide Santon.
A COSA PUÒ AMBIRE LA ROMA DI MOURINHO?

Da "zero tituli" a "culla di oro", Mou abbraccia la Roma

Calciomercato 2020-2021
Mourinho: "Convinto dalla passione dei tifosi. Daje Roma"
04/05/2021 A 13:32
Serie A
Le pagelle di Crotone-Verona 2-1: Ounas super
10 ORE FA