10 vittorie consecutive in Serie A, 11 lunghezze di vantaggio sul Milan ben 12 punti sulla Juventus, dominatrice degli ultimi 9 campionati di Serie A. L’Inter batte 2-1 anche il Sassuolo, scappa via e vede sempre più vicino quello scudetto che alla Milano nerazzurra manca ormai da 12 anni. Antonio Conte però nonostante il vantaggio, la serie record e un cammino da caterpillar di una squadra che nel 2021 non ha praticamente mai concesso il fianco agli avversari non ce la fa a dire che la sua squadra è vicinissima a laurearsi campione d’Italia. Manca ancora qualche punto per far festa e per questo, nonostante per i suoi giocatori ci sono solo lodi, non molla un centimetro e tiene la testa bassa sull’obiettivo tricolore.
Per noi in ogni partita il pallone comincia a pesare in maniera importante perché siamo in una posizione di classifica pesante, molti ragazzi si trovano in questa situazione per la prima volta in carriera. E' una vittoria di grandissimo valore, inutile girarci intorno, stiamo dando una continuità di risultati impressionante e va dato merito ai ragazzi. Siamo a un punto della stagione in cui la strategiia è importante, qualsiasi squadra affrontiamo abbiamo l'umiltà di riconoscere i pregi ma anche i difetti in cui colpire. Sappiamo che il Sassuolo è bravo nel possesso, gli piace palleggiare e tirarti fuori per colpirti ma lo abbiamo portato dove volevamo noi. Al di là del possesso palla oggi abbiamo fatto due gol e sprecato altre occasioni per arrotondare il risultato. Il Sassuolo ha fatto una buonissima partita, sapevamo che veniva qui senza obbligo di risultato ma per crearci difficoltà, complimenti a loro ma noi abbiamo un obiettivo importante ora, essere una pretendente serissima allo scudetto. Favoriti? Non è un problema ammetterlo, sappiamo che ci giochiamo qualcosa di importante, abbiamo l'umiltà per farlo, si è creato uno spirito tale che non abbiamo la puzza sotto il naso, siamo pronti a sporcarci le mani per un obiettivo diventato più importante di altri aspetti”.
Se arriva l'estetica bene, altrimenti l'importante è che arrivi lo scudetto. Perché lo scudetto è troppo importante e manca da tanto. Se spodesteremo noi la Juve, avremo fatto una grande cosa. Poi andremo tutti al centro estetico per l'estetica e ci faremo un lifting
Serie A
Le pagelle di Inter-Sassuolo 2-1: Lukaku leader, Hakimi stanco
07/04/2021 A 19:57

"12 punti in più della Juventus? Provo meraviglia"

Che effetto mi fa avere 12 punti in più della Juve? Provo meraviglia, pensare nel giro di due anni di recuperare così tanti punti nei confronti della dominatrice del campionato per nove anni, neanche nei migliori sogni potevo immaginarlo. Nel giro di due anni abbiamo recuperato tantissimi punti. Non significa che siamo più forti della Juve, che ha una rosa molto forte; ci siamo tirati su le maniche e iniziato a lavorare in maniera importante cercando di avere un obiettivo, di essere credibili. Il campionato era sempre dominato da una squadra e siamo riusciti a cambiarlo. Ci ha motivato molto, è stata una spinta per tutti, specie per i tanti che lottano per la prima volta per questo obiettivo. L'anno scorso abbiamo giocato una finale di Europa League, ora cerchiamo di centrare l'obiettivo massimo per noi in questo momento. Più cinici che belli? L'Inter ha giocato delle ottime gare, abbiamo fatto una Champions importante giocando anche bene con il Real Madrid e recuperando altri risultati, il risultato finale ci ha portato fuori dalla competizione pur giocando bene, questo non ha interessato nessuno. Oggi non trascuriamo l'estetica ma ci adattiamo alla situazione perché è talmente importante l'obiettivo che l'estetica diventa secondaria”.

Classifiche e risultati

Serie A 2020-2021, la classifica aggiornata | Serie A 2020-2021, calendario e risultati | Serie A 2020-2021, la classifica marcatori aggiornata
Champions League, classifiche e risultati gironi | Europa League, classifiche e risultati gironi

Conte: "L'errore da non fare è parlare. Zitti e pedalare"

Serie A
De Zerbi: "Irrati non mi piace. Su Raspadori era rigore"
07/04/2021 A 19:20
Serie A
Lukaku-Lautaro: l'Inter centra l'allungo Scudetto, 2-1
07/04/2021 A 16:13