Dopo la mini-pausa natalizia, l'Atalanta riprende la sua corsa in campionato in casa contro il Sassuolo. Nella conferenza stampa della vigilia, Gian Piero Gasperini presenta così la sfida contro la squadra di Roberto De Zerbi, la prima di otto (nove, in caso di passaggio del turno in Coppa Italia contro il Cagliari) in 29 giorni. Un vero e proprio tour de force per la Dea.
"E' una stagione affascinante con tanti obiettivi. Anche a Bologna abbiamo dimostrato di poter fare bene anche in campionato. C'è la Coppa Italia, c'è la Champions League da fine febbraio: ci sono obiettivi da aggredire e conquistare, le pile sono molto cariche".

Sul rammarico di Bologna

Calciomercato 2020-2021
Gomez si allena da solo a Zingonia ma l'Atalanta non fa sconti
02/01/2021 A 10:29
"Al 'Dall'Ara' abbiamo fatto molto bene a lungo, poi nelle pieghe della singola partita ci stanno anche la reazione dell'avversario, gli episodi e le mancate vittorie. Può darsi che forse ci siamo piaciuti un po' troppo e non siamo stati concreti. Non dovevamo per forza segnare il terzo gol, ci sono anche gli avversari. La cosa migliore è sempre guardare avanti".

Sulla rosa

"Abbiamo esempi di giocatori che entrano in corso d'opera e spaccano, quindi la questione di chi gioca dall'inizio o meno non mi entusiasma. I cambi sono cinque. Miranchuk deve inserirsi in questa squadra, che non sia stata una buona partita per lui a Bologna è un dato di fatto, come per altri. Viene da un campionato diverso e si vede, ha qualità e si vede. Romero e Pessina sono diventati presto titolari, ma ognuno ha i suoi tempi: Aleksey ha un ruolo ancora da scoprire".

Sul Papu Gomez

"Non ho risposte che vi possono aiutare, ma di sicura la sua per noi non è una presenza ingombrante".

Sul mercato e Diallo

"Noi stiamo bene, la società è attenta. C'è una soluzione interna al club che potrebbe essere molto interessante, anche se la squadra è a posto: si tratta di Amad Diallo. E' chiaro che è del Manchester United, ma potrebbe restare qualche mese ancora qui da noi. Mi piace molto, ha solo 18 anni. A me piacerebbe che restasse fino a giugno, ovviamente dipende dal suo club".

Su Maehle

"E' appena arrivato, a mercato ancora da iniziare: significa che c'è la convinzione che questo giocatore possa essere utile per la squadra, diversamente dai casi che capitano magari all'ultimo giorno delle trattative. E' già un bel biglietto da visita".

Sugli infortunati

"Caldara ha bisogno di condizione e adattamento, ma sta recuperando bene. Potrei anche convocarlo subito, le risposte sono molto positive. Toloi non può farcela per il Sassuolo, probabilmente per il Parma sì. Pasalic non ha un infortunio muscolare, è guarito e nemmeno il suo recupero sarà molto lungo".

Gasperini: "Sono contento della rinascita di Ilicic"

Calcio
Atalanta-Sassuolo: probabili formazioni e statistiche
31/12/2020 A 14:22
Calciomercato
Ufficiale anche per l'Atalanta: è arrivato Joakim Mæhle
30/12/2020 A 16:23