Non si andrà in archiviazione né al patteggiamento: secondo quanto riporta ANSA, la Procura federale ha notificato alla Lazio il deferimento per il caso tamponi. Il procuratore federale Giuseppe Chinè ha appena deferito al tribunale federale nazionale la Lazio, il suo presidente, Claudio Lotito, ed i medici Ivo Pulcini e Fabio Rodia per violazione dei protocolli sanitari FIGC anti-Covid.
Secondo Ansa, a Lotito, (che è stato sentito dalla Procura) e ai medici Pulcini e Rodia viene contestata la violazione dell’articolo 4.1 del codice di giustizia sportiva, dell’art. 44.1 del Noif, dei protocolli sanitari Figc e da quanto previsto dal comunicato FIGC del 1° settembre 2020 in caso di "mancata osservanza dei protocolli sanitari". La Lazio è stata invece deferita a titolo di responsabilità diretta, oggettiva e propria.
Serie A
Lazio, caos tamponi: il club si ritiene la parte lesa
10/11/2020 A 15:55

Cosa si punisce?

Le violazioni del protocollo federale riguardano la mancata comunicazione della positività alla Asl di Ciro Immobile dopo il tampone positivo della Synlab del 26 ottobre e del 2 novembre.

Inzaghi senza voce: "Felici per i tifosi"

Serie A
Lazio e i tamponi: cosa rischia, da ammenda a retrocessione
04/11/2020 A 11:52
Calciomercato 2020-2021
Milan-Mandzukic: giorno della verità. Toro, Giampaolo salta
17/01/2021 A 07:57