Era stato il bersagio – insieme a suo figlio - di pesanti insulti razzisti sui social dopo la sconfitta subita in rimonta contro il Bologna. Nwankwo Simy, attaccante del Crotone, aveva coraggiosamente denunciato l’accaduto pubblicando gli screen dei messaggi ricevuti su Instagram.
Da tutto il mondo del calcio sono subito giunti attestati di solidarietà al bomber nigeriano e, nelle ultime ore, anche il comune di Crotone ha voluto ribadire la propria vicinanza con un gesto importante: il sindaco Vincenzo Voce ha conferito la cittadinanza simbolica al figlio del giocatore.
Serie A
Atalanta-Milan, 5 verità: Diavolo forte, Dea senza Gosens è dura!
04/10/2021 A 08:46
“Crotone ti vuole bene e ti abbraccia – ha dichiarato il primo cittadino nel corso della consegna della pergamena - ti è vicina perché con la tua denuncia hai dimostrato di essere un grande uomo, dando un esempio. Bisogna denunciare, perché solo così si può combattere l'intolleranza, la violenza e il razzismo. Abbraccia il tuo bambino, crescerà con grandi valori perché avrà al suo fianco un grande papà".
Anche Simy ha voluto ringraziare le autorità per il bel riconoscimento: “Sono qui da cinque anni e mi sento crotonese, sento il calore della gente e li ringrazio. Ho voluto denunciare tutto ciò perché noi giocatori dobbiamo dare l'esempio, è importante lanciare un messaggio giusto ai ragazzi che ci guardano".

Da McClain a George Floyd: Naomi Osaka paladina del Black Lives Matter

Serie A
Atalanta-Milan 2-3, pagelle: Tonali totale, Kjaer autorevole
03/10/2021 A 20:52
Serie A
Verona-Inter, la moviola del match: Lautaro chiede un rigore
27/08/2021 A 20:25