L'Inter ha vinto da poco lo Scudetto, ed è partita la festa. Anche il più scettico dei tifosi si è dovuto ricredere su Antonio Conte, “lo juventino”, che ha trascinato i nerazzurri al successo considerando che l'Inter non vinceva nulla dal 2010. Zanetti ha raccontato tutto a La Nacion, ricordando però anche i momenti negativi della stagione. Dall'eliminazione dalla Champions League ai problemi finanziari che hanno investito tutti i club, a causa della pandemia e dell'impossibilità dei tifosi di andare allo stadio. Tanto che Suning stava per cedere a stagione in corso...

Classifiche e risultati

Serie A 2020-2021, la classifica aggiornata | Serie A 2020-2021, calendario e risultati | Serie A 2020-2021, la classifica marcatori aggiornata
Serie A
Moratti: "L'Inter mi preoccupa. Conte? Non aveva attaccamento"
08/06/2021 A 18:38

Scudetto merito di Conte

Questo progetto è partito con Conte due anni fa e con lui mi è stato possibile essere ancor più vicino alla squadra. I ragazzi sono cresciti anche attraverso momenti duri, necessari però per migliorare e prepararsi a vincere. Duri come la eliminazione dalla Champions? Sì, ma anche ad alcune partite del campionato scorso in cui avevamo perso. Tutti i gruppi, se vogliono imparare a vincere, devono prima passare attraverso delle delusioni. [Javier Zanetti a La Nacion]

Antonio Conte, tutto il meglio delle conferenze in 4'

Che cosa ha portato Conte?

Cultura del lavoro e mentalità prima di tutto. Ha convinto della bontà del suo progetto anche i più giovani. Da quando è arrivato non c'è stato giorno in cui non abbia pensato a come migliorare la squadra. I suoi meriti vanno anche oltre la vittoria del titolo dopo un decennio e la fine della striscia di vittorie della Juventus. È stato anche responsabile della valorizzazione dei giocatori, del riposizionamento del club. Ha convinto il gruppo a seguirlo. Lui ha una grandissima capacità di trasmettere le sue idee e mi ha dato fiducia

Ma Conte è stato giocatore e allenatore della Juve

Penso che il tifoso della Juventus non possa essere felice di tutto quello che Antonio stia facendo all'Inter. Invece il tifoso nerazzurro, dopo l'iniziale scetticismo, penso abbia imparato ad amarlo. Lui è focalizzato al 100% sull'Inter fin dal primo giorno: ha accettato questa sfida proprio come un vero interista

Conte: "C'è tanta voglia di far festa, percorso straordinario"

Le voci su Suning hanno destabilizzato la squadra?

È vero che a metà campionato il club sarebbe potuto essere venduto. Attraversava grossi problemi finanziari, sebbene noi non siamo gli unici a passare un momento delicato da questo punto di vista. Ma dico che come società possiamo ancora migliorare. L'allenatore e la squadra hanno fatto qualcosa di eccezionale in due anni, adesso bisogna aspirare a qualcosa di più e c'è da migliorare meccanismi interni

Il bilancio è ancora in rosso?

I problemi finanziari restano, sì. E potrebbero volerci un paio d'anni per ritrovare l'equilibrio. Servirà che la gente torni allo stadio per accontentare gli sponsor. In poche parole, serve tornare alla normalità, dopodiché risolveremo i problemi. Non bisogna nascondersi. A oggi la situazione è delicata, però abbiamo la soddisfazione di aver vinto uno Scudetto. Ma questo deve essere il punto di partenza per compiere un ulteriore passo in avanti. La base sulla quale costruire un progetto duraturo. Molto dipenderà dalla parte sportiva, dovremo essere molto chiari sul da farsi. Le entrate dalle tv sono importanti, ma non tutto può dipendere da quello. Va attuata una strategia ad ampio respiro, che ti garantisca sostenibilità nel tempo

Scudetto Inter: delirio in Piazza Duomo, la festa dei tifosi

E la costruzione del nuovo stadio?

È un argomento di cui si parla da due o tre anni e stiamo ancora aspettando la definizione di alcune parti. È un progetto congiunto con il Milan, ma i permessi dipendono dal Comune e da una Commissione che non finisce mai con la sua analisi. Quando sembra che tutto sia a posto, succede sempre qualcosa. La pandemia non ha aiutato

Come è andata con la SuperLeague?

Un'idea che è durata poco, la risposta l'hanno data i tifosi. E non solo i tifosi delle 12 squadre fondatrici, ma di tutti gli appassionati di calcio. È stato un errore e bisogna imparare dagli errori. Questo è stato un errore, senza dubbio, ma sicuramente aiuterà la FIFA, la UEFA e tutti i principali organi di calcio, insieme ai club, a mettersi insieme e cercare di trovare modi alternativi per migliorare il mondo calcio

Zhang: "Grazie a Conte e ai giocatori. Scudetto è per i tifosi"

Calciomercato 2020-2021
Real Madrid, rivolta anti-Conte: "Se arriva, noi andiamo via"
08/06/2021 A 09:48
Serie A
Zhang: "Conte top, ma io devo pensare alla società"
06/06/2021 A 08:53