Milan-Juventus, match della 16a giornata della Serie A 2020-2021 andato in scena allo stadio San Siro di Milanosi è concluso col punteggio di 1-3. Gara arbitrata da Irrati di Pistoia, decidono la doppietta di Chiesa e la rete di McKennie per i bianconeri, non é bastato il momentaneo pareggio di Calabria. Il Milan di Stefano Pioli mantiene la vetta della classifica anche in virtù di questo risultato (37 punti), mentre la Juventus di Andrea Pirlo sale a 30 punti, al quarto posto e con una gara in meno. Vediamo insieme gli spunti che ci ha lasciato l'analisi del match.

1) La serata di Federico Chiesa: in ombra CR7, ci pensa lui

Per una sera il 22 ha oscurato il 7. Federico Chiesa è stato il grande protagonista della serata di San Siro, si è preso la scena, realizzando una doppietta decisiva che ha permesso alla Juventus di battere la capolista. Largo a destra, ma con licenza di accentrarsi, veloce palla al piede, letale al tiro. Un Chiesa determinato, lucido, trascinatore. Un giocatore che si sta adattando benissimo all'ambiente bianconero e che sta seguendo meglio di altri le indicazioni di Pirlo. Sa di avere una grande occasione e non la vuole sprecare.
Serie A
Milan-Juve, pagelle: Chiesa show, CR7 spento. Male Theo
06/01/2021 A 22:04

Come Chiesa ha mandato in tilt Theo Hernández

Chiesa e Dybala esultano in Milan-Juventus

Credit Foto Getty Images

2) Milan organizzato e pericoloso: in emergenza ha giocato una bella partita

In totale emergenza, senza centrocampisti, senza Ibrahimovic e Rebic, con la pressione di essere davanti a tutti. Il Milan ha perso la partita con la Juventus, ma non è crollato e anzi ha confermato di essere una squadra vera e di avere i mezzi per mettere in difficoltà chiunque. Un gruppo che crede nelle idee del tecnico, un Milan organizzato e sempre pericoloso. Insomma, da questo ko la formazione rossonera deve trarre i lati positivi e capire che la strada resta quella giusta. Recuperando giocatori ed energie, nulla è perduto. Si può lottare per rimanere in alto.

3) La Juve concede sempre un po' troppo

Se vogliamo l'unica nota stonata in casa Juventus resta sempre la stessa. Cambiando filosofia e modo di giocare, la squadra di Pirlo spesso concede troppe occasioni agli avversari. Tra i migliori in campo a San Siro c'è stato sicuramente Szczesny, decisivo con le sue parate. E quando tra chi si mette in mostra c'è il portiere, non è mai un bel segnale. La Juve deve sicuramente lavorare per trovare più equilibrio e per ridurre le chance permesse a chi si trova di fronte.

Una gran parata di Szczesny in Milan-Juventus

Credit Foto Getty Images

4) Hernandez ridimensionato: se attaccato può andare in difficoltà

Tra i peggiori in campo, invece, segnaliamo Theo Hernandez. Il laterale rossonero, in evidenza in tante occasioni, ha patito una serata di sofferenza di fronte a un Chiesa scatenato. La sensazione, però, rimane la stessa: se viene attaccato l'ex esterno del Real Madrid va in difficoltà. Come già accaduto contro Hakimi nel derby, Hernandez ha trovato un giocatore col suo stesso passo, che lo ha puntato di continuo e ne ha evidenziato i limiti difensivi. Deve migliorare molto se vuole essere considerato tra i migliori terzini al mondo.

Serata da dimenticare per Theo Hernandez quella contro la Juventus, Getty Images

Credit Foto Getty Images

5) Paulo Dybala in crescita: la Juve ha bisogno del suo "10"

Un assist col tacco, un altro con un passaggio intelligente. Paulo Dybala ha mostrato qualche lampo di classe nella vittoria bianconera di San Siro. Non ancora il giocatore travolgente dello scorso campionato, ma sicuramente l'argentino sta ritrovando fiducia e condizione. Per la Juve rimane un elemento cruciale. Quando Ronaldo vive serate meno luminose, deve esserci la Joya ad accendere la luce. Contro il Milan è stato così. Testa bassa e avanti così.

Classifiche e risultati

Serie A 2020-2021, calendario e risultati | Serie A 2020-2021, la classifica marcatori aggiornata

Dopo Muntari il Milan torna a sfidare la Juve per il titolo

Calciomercato 2020-2021
La Juve raddoppia: incontro per Dybala e rilancio per Locatelli
23/07/2021 A 08:02
Serie B
Il Parma perde ma Buffon riparte da imbattuto: 7339 giorni dopo...
21/07/2021 A 21:49